Hai sempre sognato di scrivere e disegnare le storie che bazzicano nella tua mente, ma senti di non possedere gli strumenti necessari? Niente paura! La scuola Fumé di Cagliari è ciò che fa per te. Fumé è un collettivo di professionisti allenati al confronto, alla tenacia e alla disciplina richieste dal mestiere di fumettista. È composto da sceneggiatori, autori di storie internazionali, illustratori, esperti di comunicazione e fumettisti, che spaziano dal manga giapponese al realismo americano, dal noir francese all’umorismo europeo, fino all’illustrazione accademica. Tra loro Massimo Dall’Oglio, Guido Masala, Bruno Olivieri, Dany&Dany, Daniele Mocci, Andrea Pau, Attilio Baghino, Sara Dal Cortivo e Cinzia Dall’Oglio. Abbiamo chiesto a Bruno Olivieri di raccontarci qualcosa in merito a questo progetto nato un anno fa, che sta già partendo col secondo corso annuale.

Come nasce questo progetto? 
Grazie a Massimo Dall’Oglio, il nostro direttore didattico. L’idea di una scuola che sommasse l’esperienza nell’insegnamento di un gruppo di professionisti della narrazione, gli è venuta nel 2018. Da molti anni, lui e le persone che ha scelto, oltre a lavorare per editori in Italia e all’estero, si confrontano con i giovani che vogliono capire meglio cosa sia la narrazione per immagini. Insieme il Collettivo Fumé ha costruito un percorso didattico nel quale il fumetto, prima ancora di essere disegno e tecnica, viene studiato come linguaggio e narrazione.

Qual è l’obiettivo del collettivo Fumé?
Fumé è un collettivo di autori che vivono in Sardegna ma conoscono il mondo: crediamo che collaborare con altri professionisti e misurarci con punti di vista differenti sia l’unico modo per non ammuffire. Lo stesso facciamo con chi partecipa ai corsi, li guidiamo nella struttura della narrazione, mostriamo come usare la scansione delle immagini per raccontare al meglio le emozioni.  
L’obiettivo è cambiare il punto di vista e dare la possibilità di restare e lavorare in Sardegna. Durante le nostre lezioni, cerchiamo di sviluppare un pensiero fatto di immaginazione, creatività e disciplina. Mostriamo come il sogno può portare cambiamento, a competenze differenti e infine dare accesso, con tutte le complessità tipiche del settore economico in cui operiamo, a una reale dimensione professionale.

Cosa insegnate ai vostri studenti?
La nostra didattica ha due principali obiettivi: il primo è quello di far comprendere pienamente che il fumetto è un linguaggio e non un intrattenimento fatto di sola estetica. Il fumetto è comunicare, è uno dei tanti modi con cui possiamo esprimere le nostre emozioni, sensazioni, esperienze e desideri. Come linguaggio il fumetto ha sintassi e grammatica che a noi del collettivo piace far scoprire a tutti quelli che partecipano ai corsi e workshop della scuola Fumé.
Il secondo obiettivo invece è quello di fornire ad ogni studente uno specifico ventaglio di strumenti e una certa autocritica in modo che terminati i corsi, possa continuare a studiare ed esercitarsi da solo, avanzando nel suo percorso di apprendimento e crescita senza perdersi. Riuscire a portare sulla carta esattamente la genuinità e freschezza di un’idea richiede molta esperienza, rigore e professionalità. Il nostro programma didattico è progettato proprio per aiutare ogni studente a muovere i giusti passi nella giusta direzione una volta terminato il corso.

Come sono organizzati i corsi? 
I partecipanti vengono accompagnati all’interno del processo di storytelling e design del fumetto, capiscono come nasce un’idea, scelgono i personaggi e le ambientazioni per il loro fumetto ideale, mettono l’idea su carta sotto forma di testo, costruendo soggetto e sceneggiatura, visualizzano e traducono l’idea in immagine lavorando su character, storyboard e sketch.             
Il corso annuale di 120 ore inizia a febbraio. Un anno insieme scandito da un incontro settimanale della durata di 3 ore, il venerdì dalle 17:00 alle 20:00. La classe è composta da un massimo di 10 partecipanti.
La programmazione didattica continua con laboratori stabili per bambini e ragazzi tra i 6 e 13 anni costruiti su incontri didattici della durata di 2 ore, il sabato pomeriggio da ottobre a giugno; workshop tematici per adulti professionisti e non; Summer School di luglio, 4 settimane di storie a fumetti organizzate in corsi settimanali che si svolgono dal lunedì al venerdì in una full immersion di 5 ore dalle 9:00 alle 14:00 all’interno di una parentesi ludica in cui la didattica diventa divertimento tra disegno e narrazione, comunicazione in movimento e creatività. Tutto questo nei fantastici spazi di ArtaRuga.

È un corso dedicato a chi possiede già delle basi di disegno o è aperto a tutti?
Il corso è aperto a tutti, anche a chi non ha esperienza di scrittura e disegno, ogni candidato partecipa ad un colloquio preliminare per comprenderne attitudine e predisposizione. Tutti possono apprendere il linguaggio del fumetto, scoprirlo e farlo proprio, conoscere ogni step dal più embrionale sviluppo dell’idea, alla tavola finita. La crescita e la padronanza della tecnica aumentano con l’esercizio e lo studio. Uno degli obiettivi del Collettivo Fumé è quello di dare una corretta informazione sulle potenzialità del media e formare professionalmente chi vorrà intraprendere una strada certamente difficile, soprattutto per concorrenzialità, ma piena di soddisfazioni.

Se siete interessati a conoscere maggiori informazioni riguardo alle attività del collettivo Fumé, potete visitare la loro pagina Facebook e il sito scuolafume.it.