La Pasta Cellino Cagliari Dinamo Academy esce sconfitta dal campo della Remer Treviglio, nella ventiduesima giornata della Serie A2 di basket. Al termine di un match sempre condotto dai lombardi, il punteggio sulla sirena è stato di 91-84 per i padroni di casa.

Partenza lanciata per Treviglio, che dava avvio al match con un parziale di 7-0. Padroni di casa sciolti, Cagliari contratta e, a 5’59” dalla prima sirena, Marino insaccava la tripla del 14-4. Coach Paolini chiamava timeout, ma al rientro in campo i lombardi allungavano fino al 23-9, quando mancavano 3’25” dalla fine del primo quarto. La Pasta Cellino riusciva ad organizzare meglio il proprio gioco negli ultimi minuti ed inanellava un break, con Turel, Rullo e Keene, che li riportava vicini, sul 17-23. La frazione terminava poi sul 25-20 per la Remer.

Ancora Turel, insieme ad Allegretti, avvicinavano un altro po’ Cagliari in avvio di secondo periodo. A 7’45” dall’intervallo il tabellone diceva 29-25. Voskuil promuoveva una nuova accelerata dei padroni di casa, che tornavano sul +10 (37-27 a 5’24”), poi la Pasta Cellino si affidava alla difesa a zona. Anche quando l’Academy riusciva a rosicchiare qualche punticino, la Remer si distanziava nuovamente e si andava all’intervallo, dopo una tripla di Keene sulla sirena, sul 49-41 trevigliese.

Al rientro in campo, Keene e Bucarelli suonavano la carica ai rossoblù, ma un timeout di coach Vertemati stoppava la rimonta ospite. Due tecnici fischiati ai sardi, uno a Keene ed uno poco dopo alla panchina, rischiavano di chiudere anticipatamente il match, ma la Remer non ne approfittava del tutto. A 3’38” dalla terza sirena il punteggio era 56-47. La Pasta Cellino investiva tutte le proprie forze e, trascinata di Stephens, Allegretti e Rullo, rientrava sul -2, 56-58, a 25″ dalla fine del periodo. Ma una tripla di Pecchia sulla sirena spegneva l’entusiasmo degli ospiti. Si andava agli ultimi 10′ sul 61-56.

Keene si caricava la propria squadra sulle spalle e, a 7’39” dalla fine del match, l’Academy era ancora lì, sul 62-66. Momento scoppiettante, con giochi da quattro punti da una parte e dall’altra, ma Treviglio non mollava di un centimetro e gli uomini di coach Paolini non riuscivano più ad avvicinarsi in modo davvero pericoloso. L’ultimo sussulto si aveva con un canestro dalla lunga distanza di Keene, a 2’13” dal termine, che portava di nuovo Cagliari sul -4 (80-84). Ma proprio Keene optava poi per un paio di scelte non ottimali e la Remer volava verso la vittoria.