La Dinamo Banco di Sardegna Sassari ha vinto la gara di andata del “Round of 16” di Fiba Basketball Champions League, imponendosi sul Le Mans Sarthe, al PalaSerradimigni, con il punteggio di 79-63. Non inganni il punteggio finale, perché è stata una gara molto difficile per un Banco non eccessivamente brillante, ma che ha saputo tirar fuori dal cilindro un ottimo ultimo quarto che le ha assicurato un buon bottino da difendere nella gara di ritorno, in programma in Francia martedì 7. Nella gara odierna da segnalare l’esordio sassarese della new entry David Lighty.

Buona partenza per la Dinamo che dopo poco più di 1’30” di gioco si portava sul 6-0. A 6’50” dalla fine del primo quarto toccava il suo massimo vantaggio con una tripla di capitan Devecchi (9-2), ma la risposta degli ospiti non si faceva attendere. 7-0 di parziale francese e perfetta parità, sul 9-9, a 3’ dalla prima sirena. Si procedeva punto a punto e la frazione terminava con un canestro di Stipcevic sulla sirena, che valeva il 16-14 per i biancoverdi di casa.

Lawal apriva le marcature nel secondo periodo, poi però era il Le Mans a fare un affondo, mettere la freccia e portarsi sul 22-18. I francesi, in questo frangente della gara, apparivano più tonici e, a 6’33” dall’intervallo, trovavano il +5 (25-20) con un canestro dai 6,75 messo a segno da Hanlan. Il Banco rispondeva subito riportandosi ad una sola lunghezza di distanza e la panchina del Le Mans era costretta a chiamare un minuto di sospensione. Al rientro in campo Savanovic ridava il vantaggio alla Dinamo, poco dopo una folata di Bell valeva il 31-27 per i sassaresi. A 31” dalla fine Lacey infilava una tripla per il 36-30 e si andava poi negli spogliatoi per l’intervallo lungo sul 36-32 biancoverde.

In avvio di terzo quarto il Banco manteneva il vantaggio, poi era costretto a subire il ritorno dei francesi, che centravano il sorpasso sul 44-43. Ancora il Le Mans premeva sull’acceleratore e, a 1’27” dalla terza sirena, trovava il proprio massimo vantaggio con una tripla di Konate insaccata proprio sulla sirena dei 24”, per il 51-46 ospite. Toccava poi a Savanovic e Stipcevic, ancora con un canestro allo scadere del tempo, riportare i biancoverdi in vantaggio, sul 52-51.

Un canestro dalla lunga distanza del Le Mans apriva le danze negli ultimi 10’ di gioco e sembrava si dovesse soffrire fino all’ultimo. La Dinamo, invece, trascinata da Lawal e Savanovic metteva presto le cose in chiaro. A metà frazione Bell segnava il 64-56, ma da lì in poi era un crescendo tutto sassarese, fino al +18 (massimo scarto dell’incontro), 78-60, segnato a 1’16” dalla fine. Finiva con 16 punti di distacco, un buon vantaggio in vista della gara di ritorno, anche se il turno precedente ha rimarcato quanto sia sempre il caso di non dare niente per scontato.