Il fascino e i ritmi travolgenti del Dixieland in Gallura con la Vilsait Jazz Band che domani, 7 luglio, con ingresso libero alle ore 21 in piazza Risorgimento ad Arzachena inaugurerà la seconda edizione del Festival 7 Not(t)e a cura dell’Accademia Musicale Bernardo De Muro – inserito nel ricco cartellone dell’Arzachena Summer Festival 2019 organizzato dal Comune di Arzachena.

Sotto i riflettori l’ensemble di fiati e percussioni nato da un’idea del trombonista Salvatore Moraccini e del sassofonista Marco Maiore – sul palco con Fabrizio Fresi (tromba), Gianpiero Carta (clarinetto), Giovanni Fenu (basso tuba) e Bruno Brozzu (batteria) – per riscoprire lo stile delle storiche marching bands di New Orleans attraverso brani emblematici di un repertorio che fonde la tradizione della musica colta e lo spirito del jazz con una cifra inconfondibile tra dinamismo ed eleganza.

Un raffinato e coinvolgente concerto en plein air sulle note di pezzi celeberrimi – da “The Darktown Strutter’s Ball” di Shelton Brooks e “Fidgety Feet” di Nick LaRocca e Larry Shields, da “Basin Street Blues” di Spencer Williams a “High Society” di Porter Steele e Walter Melrose, da “Panama” di William H. Tyers all’irrinunciabile “When the Saints Go Marching In” nella fortunata versione di Louis Armstrong.

Un’appassionante notte di note nel Nord dell’Isola tra raffinati virtuosismi e indimenticabili melodie, metriche irresistibili e ironici contrappunti strumentali – con un’antologia variegata che spazia da “Dixie Noodles” di Peter Laine e “Wabash Blues” di Dave Ringle e Fred Meinken, a “St. James Infirmary Blues” di anonimo autore – portato al successo da Louis Armstrong – e “Livery Stable Blues” di Ray Lopez e Alcide Nunez.

Un viaggio tra le atmosfere degli Anni Ruggenti e nella temperie culturale dell’inizio del Novecento con l’evento incastonato nell’interessante programmazione dell’Arzachena Summer Festival 2019 organizzato dal Comune di Arzachena e fortemente voluto dalla Delegata alla Cultura, l’architetta Valentina Geromino – che si intreccia ai percorsi sonori del II Festival 7 Not(t)e firmatodall’Accademia Musicale Bernardo De Muro – con intriganti “divagazioni” tra classica, tango, pop e jazz.