La Pasta Cellino Cagliari Dinamo Academy prosegue il proprio cammino nella Serie A2 di basket, in cerca della salvezza diretta. Ormai la fine della regular season è dietro l’angolo e la squadra allenata da coach Riccardo Paolini è a un soffio dal centrare il proprio obiettivo stagionale. Bisogna stringere i denti ancora un po’ e affrontare le ultime, ostiche, tre partite previste dal calendario buttando il cuore oltre l’ostacolo. Sperando non ci siano sorprese indipendenti dai risultati sul campo.

Il mese di marzo ha regalato ai rossoblù due belle vittorie, ma anche altrettante sconfitte. E se una è arrivata con la capolista Novipiù Casale Monferrato ed era perciò abbondantemente preventivabile, l’altra ha lasciato un po’ di amaro in bocca in più, perché è avvenuta per mano della Leonis Eurobasket Roma, che in classifica è dietro i cagliaritani, soprattutto con proporzioni oggettivamente un po’ esagerate.

Andando con ordine, il mese della primavera si è aperto con il successo, a Roma, contro la Virtus, con il punteggio di 95-88, dopo la disputa di un tempo supplementare. Una gara molto equilibrata, con piccoli break di una o dell’altra squadra, sempre prontamente ricuciti da chi “inseguiva”. Il risolutore, nell’overtime, è stato Roberto Rullo. La guardia abruzzese ha infilato 28 punti totali, di cui 13 nel supplementare, trovando in Stephens un validissimo alleato (25 punti e, come il compagno di squadra, 9 rimbalzi). Una settimana dopo è arrivata la vittoria interna con il fanalino di coda della classifica, il Cuore Napoli Basket, per 98-83. Per la Pasta Cellino si è trattato di una liberazione, visto che al PalaPirastu non vinceva dall’ormai lontano 17 dicembre, quartultima giornata del girone di andata. Match indirizzato sui binari rossoblù già a partire dalla seconda parte del primo periodo e condotto in porto nonostante una buona rimonta degli ospiti, tornati a ridosso dell’Academy in avvio di terzo quarto. Ed era ancora una volta Rullo, insieme ad Allegretti, a togliere le castagne dal fuoco ai cagliaritani. Poi è arrivata la sconfitta in casa della Leonis Roma, per 68-95. Brutta e pesante. Roma su vantaggi importanti praticamente da subito e Cagliari, di fatto, mai veramente in partita. Secondo pronostico, invece, la sconfitta sul campo del Casale Monferrato (74-83), arrivata comunque dopo una partita equilibrata, risolta dai padroni di casa soltanto negli ultimissimi minuti.

Intanto la Procura Federale ha aperto un’indagine nei confronti di coach Riccardo Paolini che, al termine della gara con la Leonis Roma, aveva parlato di “campionato falsato” per la vicenda Reggio Calabria, che rischia la retrocessione d’ufficio (o una penalizzazione in punti) e su cui si indaga per una presunta fideiussione non idonea presentata al momento dell’iscrizione alla A2. Qualora la squadra calabrese venisse retrocessa, alla Pasta Cellino verrebbero tolti i 4 punti frutto delle due vittorie colte contro di lei. Queste le dichiarazioni del tecnico cagliaritano: “Mi sembra ridicolo giocare un finale di stagione senza sapere che cosa succederà con la questione Reggio Calabria, bisogna cancellare questo campionato perché è totalmente falsato. Il sudore e i soldi spesi per quella trasferta chi ce li restituisce? E come al solito tutti stanno zitti. Per me ci vorrebbe un’autentica rivoluzione. Qualunque decisione prenda la Federazione o chi per loro è falsata. Se Reggio Calabria non retrocede, Napoli non può trovarsi d’accordo. Se la fanno retrocedere, chi perde i punti non può fare nulla. Vorrei ricordare anche che Treviglio ha spostato una partita all’11 aprile e gli è stato concesso. Treviglio mi sembra sia invischiata. Non capisco perché le sia stato concesso. È ora che i presidenti e le società si sveglino, prendano in mano la Lega e facciano loro le regole più giuste. Siamo sempre schiavi di qualcuno. Non è possibile che a quattro giornate dalla fine nulla sia ancora chiaro. Come si può programmare la gestione di un rush decisivo se ancora non si sa quale posizione si occupa in classifica?”.

E il rush finale, peraltro, prevede gare “mica da ridere” per Cagliari che, nel mese di aprile, ospiterà la Zeus Energy Group Rieti, ancora in corsa per un posto nei playoff, farà visita alla Bertram Tortona, attualmente quinta in classifica, e aprirà le porte del PalaPirastu alla Lighthouse Trapani, in bilico tra zona playoff e zona “neutra”.