Il Comune di Porto Torres ha inoltrato al Centro servizi per l’impiego la richiesta di proroga della graduatoria pubblica del personale da assumere nel cantiere di forestazione, il progetto rivolto ai disoccupati che prevede lo svolgimento di attività per preservare il patrimonio boschivo. A disposizione del Comune c’è l’ultima tranche del finanziamento erogato dalla Regione, pari a 338 mila euro. Il progetto realizzato da un professionista locale passerà tra pochi giorni al vaglio della Giunta comunale.

«I lavori della penultima annualità sono terminati a marzo e gli uffici stanno già lavorando alle pratiche per il cantiere da realizzare con gli ultimi fondi disponibili. Entro qualche giorno, sentiti i pareri degli enti titolari delle aree su cui insisteranno le attività di manutenzione – sottolinea l’assessora all’Ambiente, Cristina Biancu – la Giunta approverà il progetto. Gli uffici hanno chiesto una proroga della graduatoria in scadenza a maggio al Centro servizi per il lavoro: in ogni caso l’impegno è quello di far partire i lavori entro fine giugno e l’auspicio è che riaprano al più presto i servizi di visita medica e selezione del personale, fondamentali per avviare il cantiere. Nel progetto ci saranno diversi nuovi terreni comunali oggetto d’intervento, come quelli di via Gramsci e via Manzoni e abbiamo confermato le manutenzioni in una delle aree più pregiate, quelle dell’area archeologica di Turris Libisonis. Come abbiamo ripetuto più volte e come ci è stato riconosciuto anche dalla struttura tecnica regionale, siamo tra le amministrazioni più virtuose e più tempestive nella spesa di questi fondi – conclude l’assessora – e nonostante i problemi derivanti dal Covid19 siamo in linea con le tempistiche anche per quest’ultima tranche di finanziamento».