La Dinamo Banco di Sardegna Sassari esce sconfitta dal campo dell’Umana Reyer Venezia nella dodicesima giornata di andata della Serie A di basket. La squadra di coach Federico Pasquini ha perso, dopo un tempo supplementare, con il punteggio di 80-82, al termina di una gara nella quale ha per lungo tempo rincorso, trovando il primo pareggio a 1’30” dalla fine dei tempi regolamentari.

Venezia partiva subito forte, contro una Dinamo sonnacchiosa, e piazzava in avvio un parziale di 11-0. Il primo canestro dei biancoblù arrivava dopo 5’30” ed era a firma di Polonara, ma la Reyer trovava il proprio massimo vantaggio poco dopo, sul 16-2. A questo punto la Dinamo si svegliava e infilava un break di 6-0, prima che il periodo terminasse sul 21-10 per i padroni di casa.

Intorno alla metà del secondo quarto, il Banco riusciva a riavvicinarsi, con Bamforth e Planinic, fino al 21-25 poi, dopo un breve botta e risposta, veniva ricacciata indietro dalla Reyer. All’intervallo il tabellone diceva 36-27.

Al rientro in campo si vedevano Jones e Randolph e la Dinamo riusciva pian piano a rosicchiare punti agli avversari, fino ad arrivare a far sentire loro il proprio fiato sul collo: 49-52 a 35″ dalla terza sirena. Ma al Banco mancava sempre l’ultimo guizzo per completare la rimonta e si andava al quarto periodo sul 55-51 veneziano.

Le due squadre rimanevano vicine nelle prime battute, poi la Reyer provava nuovamente ad andare via, raggiungendo il +7 (62-55) a 4’56” dal 40′. Prima Bamforth, poi ancora Jones e Randolph, lanciavano l’assalto e, quando mancavano 1’30” dalla fine dei tempi regolamentari, impattavano sul 65-65. E sul 69-69 suonava la sirena del 40′.

Botta e risposta nell’overtime, con la Dinamo che metteva per la prima volta il naso avanti in apertura degli ultimi 5′, con Bamforth. A 31″ dalla fine i biancoblù erano avanti di due lunghezze (80-78), ma Venezia era più scaltra e portava a casa i due punti.