“Maybe you don’t know what I’m saying
But we’ve lost our self-respect
And I know you don’t understand me when I talk to you
But we’ve lost our self-respect

Da oggi in rotazione radiofonica, sulle piattaforme digitali e negli store Self-respect (Azzurra Music / Più In Alto Edizioni Musicali) il nuovo singolo di Leo Meconi, prodotto da Renato Droghetti (San Luca Sound) e Gianluca Morelli (Deck Lab).

L’argomento centrale del testo è il rispetto per se stessi prima di tutto, e poi quello reciproco che deve esserci in ogni rapporto, che sia di amore o di amicizia.

A proposito del brano, il cantautore bolognese commenta: «Self-respect è un progetto sul quale ho iniziato a lavorare ad ottobre 2019 quando ho scritto questo testo sulle difficoltà di un rapporto di coppia e la necessità di non perdere mai il rispetto reciproco. Come tutte le mie canzoni, anche questa è stata pensata e scritta per chitarra e voce, ma in tutto questo periodo, soprattutto durante il lockdown, ho sentito la forte esigenza di dare al brano un sound più moderno tendente all’EDM. Questo non significa per me abbandonare il folk/rock/pop da cui provengo, ma credo che a 16 anni sia giusto confrontarmi con altri generi».

Leo Meconi nasce a Bologna il 13 maggio 2004 e mostra sin da bambino una grande passione per la musica, specialmente per quella folk/rock americana. Inizia a prendere lezioni di chitarra all’età di 7 anni e comporre le sue prime canzoni all’età di 12 anni.

Nonostante la sua giovane età, Leo si è già esibito diverse volte dal vivo e partecipato a diversi festival e concorsi. Finalista nel 2017 a “Vocine Nuove Castrocaro”, nel 2018 ha vinto il “Festival Incanto” di Ravenna, secondo classificato ad “Un Voce per l’Europa” e primo classificato al “Punto Radio Talent a Bologna”.

Il 5 luglio è una data fondamentale per Leo: il 5 luglio 2016 Bruce Springsteen lo ha invitato a salire sul palco di San Siro per un duetto alla chitarra su Dancing in the Dark, e da quella serata è nata l’ispirazione per la prima canzone scritta da Leo, “Guitar Man”, come lo ha ribattezzato Springsteen quella sera.

Foto Lucio Meconi

Il 5 luglio 2019 Leo Meconi pubblica l’album It’s Just Me prodotto da Azzurra Music con la supervisione di Dodi Battaglia, per il quale Leo ha aperto a febbraio il concerto al Teatro delle Celebrazioni a Bologna. Quel disco contiene complessivamente 20 brani che riassumono la sua passione per artisti come Bruce Springsteen, Bob Dylan, Eagles, Bob Marley e Stevie Wonder, oltre a “Satan’s Street” e “Guitar Man” che sono invece due inediti scritti e interpretati da Leo in questa sua opera prima.

Il 29 novembre dello stesso anno esce “I’ll Fly Away” il primo disco di inediti di Leo prodotto da Dodi Battaglia. L’albumè un viaggio attraverso storie che il cantautore ha scritto a partire dal 2016. Un disco pop, con influenze e sonorità folk e rock. Tutte le canzoni sono nate per voce, chitarra acustica e in alcuni casi per armonica o loop station con arrangiamenti pensati per i live.