Sono 2958 le domande sul bonus regionale di 800 euro pervenute ad oggi sulla piattaforma on line del Comune di Alghero. Gli uffici stanno lavorando alle procedure di erogazione del bonus, con alcuni perfezionamenti in corso che richiedono alcune integrazioni da parte dei richiedenti.

“L’assessorato ai servizi sociali del Comune di Alghero, in stretta collaborazione con l’assessorato regionale per le politiche sociali della Regione Autonoma della Sardegna, ha avviato un dialogo molto intenso per la definizione completa dell’iter procedurale” fa sapere l’assessora ai servizi sociali del Comune Maria Grazia Salaris.

All’iniziale legge regionale istitutiva del bonus con conseguente delibera della Giunta regionale, regolatoria dei criteri e delle modalità operative di erogazione della relativa indennità, ha fatto seguito una infinità di precisazioni emanate dagli uffici regionali, le cosiddette faq che al momento hanno raggiunto lo strabiliante numero di 57 precisazioni che impongono, inevitabilmente, un aggiustamento in corsa delle attività delegate dalla Regione al Comune, e nello specifico all’assessorato alle politiche sociali che per il tramite degli uffici ubicati al Quarter dà attuazione alla misura di aiuto economico.

Dopo le ultimissime indicazioni della Regione si è reso necessario, a partire da oggi, chiedere ai cittadini che già hanno fatto richiesta fino alla data di ieri 24 aprile, ulteriori tre precisazioni relative alla esatta misura del reddito netto complessivo del nucleo familiare per il periodo dal 23 febbraio al 23 aprile 2020, all’eventuale cassa integrazione guadagni riscossa o meno e, infine, al contributo statale di 600 euro relativo alle cosiddette partite Iva ed ai lavoratori stagionali, per precisare se questo sia stato riscosso dal beneficiario oppure no.

Sempre sulla base delle anzidette precisazioni della Regione risultano definitivamente, si spera, chiariti, due aspetti: tutti coloro che sono privi di reddito, quali disoccupati e lavoratori stagionali al momento privi di impiego, avranno accesso al contributo, questione molto controversa prima di questa ultima precisazione; il reddito mensile del nucleo familiare diviene cumulabile con le altre forme di sostegno al reddito, nel senso che il reddito del nucleo costituisce una componente dell’indennità di 800 euro. L’indennità, sempre con riferimento a ciascun mese, viene determinata sottraendo dall’importo di 800 euro il reddito mensile del nucleo nonché le altre forme di sostegno al reddito, quali reddito di cittadinanza, cassa integrazione guadagni, naspi, altre forme di sostegno economico previste a livello comunale e statale (600 euro), eccetera.

L’assessore Salaris ricorda “che l’indennità di 800 euro è relativa ad un nucleo formato da tre persone mentre per ogni persona in più l’indennità viene incrementata di ulteriori 100 euro. Per quanto riguarda il pagamento del bonus da parte del comune in favore dei beneficiari, questo inizierà già a partire dalla prossima settimana man mano che i richiedenti avranno integrato la propria domanda con le informazioni richieste a partire da oggi, 25 aprile, ragione per la quale si raccomandano i cittadini che già hanno presentato domanda, di integrare quanto prima la dichiarazione richiesta”. Nel sito istituzionale del Comune di Alghero è disponibile apposito comunicato che spiega le modalità di integrazione della domanda presentata.