Domenica 9 agosto alle ore 21 la storica compagnia Teatro Tragodia di Mogoro capeggiata dalla regista e attrice Virginia Garau, porterà in scena la commedia “Piriciò … est dottori sì o no?” liberamente tratto da “Le Médecin malgré lui” di Molière. Nell’adattamento di Virginia Garau, che ne cura anche la regia, Piriciò è un marito irresponsabile e scansafatiche. Pascadda, sua moglie, vorrebbe portarlo sulla la retta via, ma tutti i suoi sforzi verranno vanificati dall’innata indolenza di un consorte dedito al gioco e alle bevute, totalmente incurante della moglie e della famiglia. Pascadda nel tentativo di ribellarsi con forza a tutto questo, mette in atto un piano che le permetterà di attuare la propria vendetta: far pagare a Piriciò tutte le umiliazioni subite in tanti anni di matrimonio! Lo spettacolo si snoda attraverso il ritmo incalzante di una comicità leggera e scanzonata, condito da allegri e spumeggianti motivetti canori composti da Paolo Congia. Una commedia estiva ed esilarante interpretata da Caterina Peddis, Carmen Porcu, Daniela Melis, Ulisse Sebis e Gino Betteghella.

Lunedì 10 agosto sempre alle ore 21, Notte di San Lorenzo, si esplora il cielo stellato con “ITIS Galileo, un minuto di rivoluzione!” spettacolo semi-serio preso in prestito dall’omonimo testo di Marco Paolini, con Gianfranco Corona per l’adattamento e la regia di Giuseppe Ligios. Lo spettacolo prodotto da Teatro d’Inverno è un invito rivolto allo spettatore a intraprendere un viaggio nella vita di Galileo Galilei. Un viaggio ironico, a tratti scanzonato (ma storicamente fedele) come suggerisce il titolo dove ITIS, che sta per Istituto Tecnico Industriale Statale, un’esortazione per tutti a non prendersi troppo sul serio! È quanto fa l’interprete della pièce comica Gianfranco Corona, partendo dal ricordo di quando, stando sui banchi di scuola, progettava mirabolanti diserzioni come ogni buon adolescente fa nella sua personale lotta contro il sistema! Quel mondo “stretto” e la complicità del testo dello scrittore e attore Marco Paolini, lo portano a scoprire la storia di un ragazzo comune, con una curiosità fuori dal comune, uno scienziato – filosofo astronomo frequentatore di osterie a cui stava “stretto” non solo il mondo ma l’intero universo conosciuto del suo tempo, un ragazzo «con il nome uguale al cognome», Galileo Galilei.

Ed è partendo dalla leggerezza della commedia, passando attraverso le lenti di un cannocchiale imperfetto che si snoda il racconto della vita, dal tocco vagamente romanzesca e goliardica di Galileo, un uomo pieno di limiti e contraddizioni, un uomo che per tutta la vita, e senza timore per le conseguenze, ha urlato a testa alta la sua verità: “Eppur si muove!”

Lo spettacolo, attualmente in circuitazione regionale, sta riscuotendo grande interesse ed ottimi riscontri da parte del pubblico.

Biglietto singolo spettacolo: adulti €10; bimbi entro i 6 anni non pagano, dai 7 ai 12 anni €5. Convenzione adulti, 2 spettacoli (9 e 10 agosto) €15 anziché €20. Per info e prenotazioni Teatro d’Inverno – cellulare e WhatsApp: +39 3885721808