L’Olimpiade per lo sportivo è la madre di tutte le gare, il traguardo da tagliare l’obiettivo cui far tendere una carriera ed una vita intera. L’Universiade, per uno studente (sportivo) è il premio al risultato ottenuto, al lavoro svolto all’essere riusciti a conciliare fasi di studio e d’allenamento, orgoglio per la società di appartenenze, per il Centro Sportivo Universitario di appartenenza e per l’Ateneo di appartenenza. 

Angelo Marvulli, studente di Odontoiatria dell’Università degli studi di Sassari fresco di medaglia d’oro con la canotta del Cus Sassari ai recentissimi CNU 2019 de L’Aquila, è stato inserito fra i 38 convocati azzurri dell’atletica per le Universiadi – 20 uomini e 18 donne -, spedizione che a Napoli dall’8 al 13 luglio si confronteranno con atleti provenienti da ogni parte del mondo in una sfida all’ultimo salto, all’ultimo centimetro.

Un grande onore per Angelo ricevere questa convocazione. Un grande orgoglio per il Cus Sassari del presidente Nicola Giordanelli e per l’Università di Sassari del magnifico rettore Massimo Carpinelli, che nel giovane saltatore dell’Atletica Firenze Marathon avranno un valido e prezioso alfiere chiamato a difendere e ostentare i colori di Sassari, del suo Centro Universitario Sportivo e del suo Ateneo.

Assieme a Angelo interessanti prospetta del panorama dell’atletica nazionale e internazionale come le staffettiste bronzo europeo indoor Folorunso e Lukudo, la discobola Osakue, gli ostacolisti Bogliolo e Perini, i marciatori già sicuri dei Mondiali Antonelli, Becchetti e Dominici. L’ennesima testimonianza dell’importanza della pratica sportiva a livello universitario: Sassari, la sua Università e il suo Cus dicono a gran voce, forza ragazzo!