Si è conclusa con la vittoria delle padrone di casa della Lions Handball Sassari la 3a edizione del Sardegna Handball Cup “Marco Ruggeri”. La squadra di Zucchi Pastor ha infatti superato la formazione corsa dell’HBC Borgo nella doppia sfida che metteva in palio il trofeo. Sabato pomeriggio Dibona e compagne hanno regolato le combattive avversarie sul 24-15, e nel ‘rematch’ si sono ugualmente imposte con il risultato di 22-18.

Nonostante gli ostacoli di natura organizzativa dovuti all’emergenza sanitaria, sui legni del PalaSantoru è andata in scena una piacevole festa di sport e amicizia, utile a rinsaldare il ponte tra Sardegna e Corsica, già particolarmente forte in termini di Pallamano.

Dal punto di vista tecnico la kermesse ha evidenziato il buono stato di forma della Lions, che a 8 settimane dal via del campionato nazionale di Serie A2 sembra aver già individuato la giusta strada. Contro un Borgo comunque rimaneggiato a causa di numerose assenze, la Lions è partita col turbo nel match di sabato pizzando subito un break di 5-1 (guidato da Mazzitelli) che ha costretto le ospiti a inseguire. Malgrado gli sforzi del capitano Celine Chanon, il Borgo non è mai riuscito a scalfire le certezze delle leonesse turritane, che dopo aver chiuso in vantaggio il primo tempo sull’11-7 hanno chiuso definitivamente i conti sul 24-15, palesando anche una buona intesa difensiva.

Più equilibrata, almeno nelle sue battute iniziali, la contesa di sabato: il Borgo, guidato in panchina dalla sardo-corsa Anna Pirrolu, è stato capace di scappare fino al 4-1, poi, in seguito anche a un timeout di coach Pastor, le padrone di casa hanno risalito la china fino all’11 pari del 30’. Scanu e compagne, dunque, sono scattate meglio dai blocchi del secondo tempo, e con un break di 4-0, hanno incanalato la gara sui propri binari fino al 22-18 che permesso di trionfare definitivamente nella terza edizione della kermesse.

Avremo voluto fare di più per ricordare Marco Ruggeri – afferma Zucchi Pastor nelle vesti di organizzatrice – una persona straordinaria che ho avuto la fortuna di avere come presidente. Purtroppo, però, portare altre squadre dalla Corsica o dalla Sardegna è stato impossibile per vari motivi. Sono comunque molto contenta di ciò che è stato e lo accolgo con il sorriso. L’importante era ripartire dopo 7 mesi senza pallamano, e ci tenevamo a farlo con questo memorial. Il campo ha detto che la squadra sta abbastanza bene dopo tre sole settimane di preparazione. C’è bisogno di riprendere il giusto ritmo, ma tutte le ragazze si sono espresse su buoni livelli”.

Questi i premi individuali assegnati dall’organizzazione:
Top scorer: Celine Chenon (HBC Borgo)
Miglior portiere: Veronica Furesi (Lions)
Giocatrice più esperta: Pierrette Soldati (HBC Borgo)
Miglior pivot: Valeria Mazzitelli (HBC Borgo)