Bentrovati amici lettori, oggi vi parlo di un romanzo che ho finito di leggere da qualche giorno, appartiene ad un genere che conosco poco ma che ho apprezzato. Si tratta di “Ritorno a Villa Blu” di Gianni Verdoliva, pubblicato da Robin edizioni nel 2020. 

Per la lettura della recensione come sempre consiglio la colonna sonora: Shape of My Heart di Sting.

Sinossi. È giugno e come ogni anno tre fratelli, Alessio, Francesco e Tommaso, ritornano a Villa Blu, la dimora di famiglia dove hanno trascorso tante altre estati. Questa volta, però, saranno soli: non ci sarà più il nonno né i genitori e i tre protagonisti si troveranno a gestire la villa di famiglia avuta in eredità dal nonno Ascanio e a fronteggiare misteri, maledizioni ed eventi irrisolti che coinvolgono Villa Blu e il bosco limitrofo. Nel paese sulle sponde del lago, figure inquietanti e altre benevole si intrecceranno alle vicende dei tre fratelli, vittime di un maleficio che vedrà il suo culmine il giorno del solstizio.

All’inizio del romanzo ci sono tre citazioni una delle quali mi ha molto colpita: Pratica gesti casuali di gentilezza e atti insensati di bellezza. (Anne Herbert) 

Quando ho iniziato questo romanzo ho pensato subito che mi sarebbe piaciuto, fin dalle prime pagine mi sono immersa nelle descrizioni di questa grande Villa abitata da un uomo solo, il silenzio, il bosco circostante e un enigma che l’avvolge.

Ascanio nonno amorevole lascia in eredità la sua dimora ai tre nipoti, tutto ruota intorno a questa Villa, ai personaggi che l’hanno abitata in passato e quelli che adesso si ritrovano ad affrontare un evento inspiegabile. Alessio, Tommaso e Francesco infatti decidono di passare le vacanze nell’amata casa dei nonni, ma dovranno fare i conti con figure inquietanti che da sempre generano lo scontro tra il bene e il male.

È un argomento che mi affascina da sempre, anche quando ero bambina ascoltavo i racconti di mia nonna e le storie che tramandavano di padre in figlio. Il conflitto che viene narrato in questa storia ha un sapore mistico, che fa riflettere su ciò che è reale, ma anche un’analisi di quei fenomeni inspiegabili che se ricondotti a una semplice causa assumono una diversa valenza. La possibilità che ci sia qualcosa di più grande mi ha sempre lasciato un grande dubbio esistenziale e questo romanzo mi ha ricondotto ad uno degli aspetti più affascinanti della nostra storia, un libro che parla di amore, non a caso una delle figure che mi è piaciuta di più è Amabile, una donna che con la sua aura positiva diffonde ottimismo e serenità, ma anche una fata buona (mi piace pensarla così) che con i suoi incantesimi può sconfiggere il malvagio.

Lo stile è scorrevole, consiglio la lettura a coloro che amano il genere paranormale o le storie di fantasmi, ma anche a quelli che vogliono spingersi in un territorio inesplorato. 

Buona lettura
Aurora Redville

Titolo: Ritorno a Villa Blu
Autore: Gianni Verdoliva
Genere: Thriller
Casa Editrice: Robin edizioni
Pagine: 184
Prezzo: €12,00
ISBN: 978-8872745892