Stasera, 2 dicembre, alle 19:30 la Stagione Levante al Teatro Comunale di Sanluri presenta un’originale proposta teatrale che attinge a tre racconti giovanili della Deledda ambientati nel nuorese. Lo spettacolo s’intitola “Grazia Deledda tra fantasia e realtà” ed è interpretato da attori di riconosciuta esperienza come Rosalba Piras, Tiziano Polese, Anna Pia, Enzo Parodo che è anche il regista e Tonino Macis alla chitarra. Alla direzione tecnica e suono Giuseppe Pili con Lorenzo Marcis alle luci.

L’opera è il risultato di uno studio approfondito delle tematiche deleddiane nell’ambito di un progetto teatrale dedicato al premio nobel nuorese. Prendere in considerazione gli scritti e la poetica di Grazia Deledda era inevitabile per AbaMas Ati per le Arti, che è l’unione di Abaco Teatro e La Maschera, compagnie da sempre impegnate nel ricercare e sviluppare in chiave contemporanea i segni e le radici più autentiche della storia, del costume e della cultura, delle contraddizioni umane e antropologiche della nostra Sardegna.

Si è partiti dai racconti meno conosciuti della scrittrice nuorese, pubblicati perlopiù sui quotidiani dell’epoca. Sono brani ispirati ai fatti di cronaca che recano in sé una doppia valenza: quella della testimonianza storica e quella della chiave poetica attraverso cui fatti e personaggi vengono presentati al pubblico. Le storie, i sentimenti, l’etica, le tradizioni che emergono da questi racconti, presentano poi una straordinaria aderenza alle realtà contemporanee, come spaccati di vita e contesti che, a distanza di cinquant’anni, ancora resistono. Il linguaggio registico utilizzato dalla messinscena rispetta la semplicità ma anche la vivacità di questi primi racconti della Deledda.

Personaggi e situazioni sono stilizzati in un affresco di immediato impatto e comprensibilità, percorso dall’ironia e a tratti dalla pura comicità. Per tali motivi lo spettacolo si è rivelato vincente nell’approccio anche con il pubblico più giovane, coinvolto e affascinato dall’originale messinscena. La spettacolarità non è definita dagli “effetti” ma dalla forza stessa del testo e dalla grande esperienza degli attori che sono anche cantanti proponendo famose melodie, cori e balli sardi. La musica è dal vivo e crea le atmosfere dalle più irruente e di festa a quelle più struggenti grazie al tocco di Tonino Macis.

Info e prenotazioni 3478928141 aabaco@gmail.com Posto unico € 15,00.