Mobilità non solo come uno strumento alternativo ai mezzi privati ma come utile risorsa per curare la salute pubblica, prevenire le malattie e ridurre gli incidenti stradali. Il tutto in un’ottica che abbina il risparmio, la cura dell’ambiente e la salute, elementi che dovranno essere centrali per le pubbliche amministrazioni impegnate nell’adoperarsi per perseguire gli obiettivi scanditi dall’Europa.

Con questi presupposti e con lo slogan “Mix and Move!”, partirà domenica 16 settembre, per concludersi sabato 22, la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2018, la campagna annuale di comunicazione e sensibilizzazione promossa dalla Commissione Europea sul tema del trasporto sostenibile.

Per la precisione, è stata scelta la Multimodalità legata ai trasporti, in modo che combinando diversi tipi di mezzi, si possa ottenere il bene comune di favorire la mobilità sostenibile, con tutti i risvolti pratici e legati alla salute dei cittadini.

E dopo l’esordio dello scorso anno, la Città Metropolitana di Cagliari si candida ad una nuova iniziativa che avrà come fulcro il Parco di Monte Claro, ma sarà operativa in tutti e diciassette i comuni dell’Area, con vari appuntamenti che coinvolgeranno adulti e bambini. Convegni, incontri, pedalate, viaggi in bus animati da artisti e workshop cercheranno di sensibilizzare quante più persone possibili sul tema oggetto della campagna di quest’anno.

“La nostra – ha spiegato il Sindaco Metropolitano Massimo Zedda, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione degli appuntamenti – è una sfida contro lo spopolamento perché tramite il trasporto pubblico possiamo non solo evitare che le zone centrali dell’Isola si impoveriscano, ma che anche la stessa Cagliari si svuoti. Dobbiamo fare in modo che chiunque abiti in città o anche a Oristano piuttosto che a Nuoro, possa agevolmente raggiungere il suo posto di lavoro e fare rientro a casa, senza essere costretto a trasferte estenuanti. Siamo tra i primi in Italia per chilometri percorsi dai nostri mezzi del trasporto pubblico, ma possiamo fare ancora di più e campagne come questa non possono che esserci d’aiuto”.

Presenti all’incontro con la stampa anche il Delegato della Città Metropolitana per la Viabilità, Mobilità e Trasporti, Fabrizio Marcello che ha insistito sul tema della intermodalità. “L’obbiettivo è la riduzione dell’anidride carbonica nell’aria e tutti i comuni sono stati sensibili in questo, anche perché abbiamo la possibilità di investire i fondi europei che, per un terzo, sono destinati alla sostenibilità. In questa settimana, ci saranno oltre quaranta gazebo informativi e per la prima volta in Sardegna partirà la sperimentazione sulla intermodalità”.

Pronti a dare il proprio contributo con una partecipazione importante non solo tutti i comuni della Città Metropolitana, che hanno organizzato ciascuno di propria iniziativa, degli appuntamenti in tema, ma anche gli altri partners istituzionali che, affiancati dalle Associazioni di volontariato, cercheranno di dar voce alla Settimana Europea della Mobilità Sostenibile.

In prima linea il CTM S.p.A. che è pronto a schierare i suoi cinquantasette nuovi mezzi (il 25% dei quali saranno ibridi o elettrici), presente alla conferenza con il Presidente Roberto Porrà e il Direttore Generale Roberto Murru. Ma anche Università di Cagliari e Regione Sardegna, rispettivamente rappresentate da Italo Meloni e Gianni Vargiu, non sono volute mancare all’appuntamento del 2018 con tutta una serie di iniziative alle quali si è affiancata anche la Federcarrozzieri che si è soffermata soprattutto sulla sicurezza stradale.

 

Brochure Cagliari Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2018