Domani, ore 15 stadio Vanni Sanna di Sassari, il club biancoceleste farà il suo esordio casalingo nella serie D 2017-’18, culmine di una settimana in cui, al prezioso parco sponsor, si sono aggiunti GCG GROUP Immobiliare e Nuova Capolino. Poco meno di una settimana fa, al Frogheri di Nuoro, un rigore di Meloni aveva condannato i sassaresi alla prima sconfitta stagionale: nessun dramma, la giusta rabbia per una sconfitta, la consapevolezza di poter fare meglio e via, di nuovo, lungo una intensa settimana fatta di lavoro e allenamenti. Il tempo non è mai stato un alibi ma ‘amalgama si cementa con il tempo, così come la condizione fisica post preparazione.

L’amichevole di Valledoria contro la locale Polisportiva – 0-7 il risultato finale grazie alle reti di Scanu, Bianchi e Virdis e alle doppiette di Palmas e Contu – ha dato indicazioni positive a mister Sanna che però, come di consueto, ha mischiato le carte concedendo poche indicazioni in vista del match domenicale. Tornano a disposizione Ravot e Usai, out per il match di Nuoro. il Monterosi di mister Ferazzoli dovrà rinunciare a Morbidelli.

 

Mister Marco Sanna presenta il match con il Monterosi:

«Lasciamo perdere il risultato di Valledoria, il punteggio non conta ma la cosa più importante è che miglioriamo a vista d’occhio. Qualcuno dei ragazzi sta spingendo decisamente di più sull’acceleratore, e questo mi fa ben sperare. Il Monterosi ha pareggiato la prima in casa con il Flaminia, fortunatamente ho la buona abitudine di andare a vedere le gare degli avversari oltre a quelle della mia squadra e posso dire che loro sono un ottimo team, sono tutti forti non soltanto in attacco ma anche in difesa e a centrocampo. Insomma, per batter questi signori dovremo essere sicuramente al meglio delle nostre potenzialità, e si stiamo arrivando. Dobbiamo assolutamente riscattare il risultato di domenica scorsa: a Nuoro, conto una Nuorese determinata e aggressiva, siamo noi ad aver giocato a calcio, con gli avversari a mettere in campo la loro strategia e a cercare di sfruttare i lanci lunghi. Il Sassari calcio Latte Dolce è squadra che vuole ottenere i risultati attraverso il gioco, che lavora cercando di ottenere il massimo ogni giorno. Dobbiamo riscattare il ko con la Nuorese, perché a pare mio è ingiusto. Voglio che i ragazzi arrivino il prima possibile al massimo della condizione fisica e mentale. Voglio che acquisiscano al più presto quella famosa rabbia agonistica e quella voglia di superare l’ostacolo che fa la differenza, e posso dire che i presupposti ci sono tutti, e sono buoni».