Una vita dedicata al canto, calcando alcuni dei più importanti palcoscenici del mondo e sostenendo, in concomitanza, importanti temi sociali. Una carriera in continua ascesa per la cantante italo-eritrea Senhit, che si prepara a rappresentare San Marino all’Eurovision Song Contest del 2021.

Canto da sempre, ho cominciato con i musicals perché secondo me rappresentano la completezza dell’arte, mi hanno dato la possibilità di esibirmi sul palcoscenico di un teatro tutte le sere cantando, recitando e ballando. Ho fatto la mia gavetta prima in Italia e poi in giro per il mondo con produzioni molto grandi come la Disney e grandi artisti come Massimo Ranieri. Sono poi tornata a casa, a Bologna, dove ho iniziato la mia carriera da solista. La Panini, l’azienda leader delle figurine di calcio, cercava una testimonial per provare ad investire sulla musica, così mi sono lanciata in questa avventura e questo sposalizio ci lega ancora oggi. Ho avuto la fortuna di incontrare tantissimi produttori, autori, compositori, musicisti, manager, anche internazionali, che mi hanno consentito di fare nel frattempo tante esperienze, registrare album e partecipare a programmi televisivi”.

Nel 2011 arriva la prima partecipazione di Senhit all’Eurovision Song Contest a Dusseldorf per rappresentare la Repubblica di San Marino: “L’italia in quel periodo si era fermata con le partecipazioni all’Eurovision, con la televisione di San Marino ho sempre avuto ottimi rapporti così mi hanno scelto in rappresentanza e ho partecipato con il brano Stand by”.

Possibilità che si ripresenta nel 2019, la cantante viene di nuovo selezionata per rappresentare San Marino all’Eurovision Song Contest del 2020 ma l’edizione viene cancellata per il dilagare dell’epidemia di coronavirus. Pochi mesi dopo Senhit viene comunque riconfermata per l’edizione del 2021.

Nel frattempo, ho mandato avanti il mio progetto da solista. L’idea di uscire con un mio album è stata posticipata all’anno prossimo per l’impossibilità di fare promozioni e tour, così mi sono presa un anno sabbatico per concentrarmi sui brani che verranno inseriti nel nuovo album. In più, per coccolare tutti i fan del mancato Eurovision di quest’anno, insieme a Luca Tommassini, che avrebbe dovuto essere il direttore creativo di questo Eurovision e che, fortunatamente, è stato riconfermato per il prossimo anno, abbiamo ideato un progetto virtuale dove io ogni mese reinterpreto una canzone delle passate edizioni dell’Eurovision con un arrangiamento un po’ freaky, un po’ particolare, progetto che si chiama proprio “Freaky trip to Rotterdam. – Un nome carico di significato – Freaky” è la canzone che avrei dovuto proporre all’Eurovision di quest’anno, “trip” perché questo progetto rappresenta un viaggio che andrà avanti fino a giugno 2021, e “Rotterdam” è la destinazione del prossimo Eurovision. Durante il lockdown abbiamo continuato a lavorare, non ci siamo mai fermati, abbiamo realizzato esibizioni molto divertenti, e con Luca Tommassini abbiamo inventato la “freaky dance” che tutti i followers hanno ballato. Eravamo tutti a casa in una situazione angosciante e questo è stato un modo per dare un po’ di carica”.

D’estate, come da calendario, è uscito il nuovo singolo di Senhit, “Breathe”, sempre con la collaborazione di Luca Tommassini per il videoclip, brano che in autunno l’artista ha deciso di remixare. “Nonostante la seconda ondata del Covid-19, abbiamo deciso di dare di nuovo la carica e di divertire il pubblico a casa con della sana musica. Per questo remix ho collaborato col dj e produttore internazionale Benny Benassi e il suo BB Team remix, che ha lavorato con star del calibro di Madonna, Jovanotti e i Negramaro. Ho visto in lui la figura giusta per dare a “Breathe” un ritmo ancora più contagioso, mantenendo comunque uno stile pop e commerciale, e grazie al suo tocco è venuta fuori una bella sonorità. Tutto questo ha aperto la strada a futuri progetti di pop dance”.

Il remix di Breathe è uscito in radio e in digitale il 17 novembre 2020 e sta già riscuotendo un grande successo. Proprio con questo brano Senhit lancia un messaggio importante: “Proprio come durante la prima ondata di coronavirus, si avverte un’esigenza e un’urgenza di respirare, di avere libertà dai preconcetti, dai pensieri negativi. Partendo da “Freaky”, attraverso poi “Breathe” e tutte queste pillole di “Freaky trip” sto cercando di continuare sempre a trasmettere messaggi positivi e, attraverso l’arte, ho la possibilità di poterlo fare mantenendo sempre un po’ di leggerezza, facendo sorridere e, allo stesso tempo, riflettere la gente.

Non si fermano nemmeno i progetti televisivi dell’artista che, dopo la bella esperienza del 2019, è stata riconfermata anche per questa edizione tra i cento giudici del muro del programma All together Now, condotto da Michelle Hunziker, e che sta andando in onda proprio in queste settimane in prima serata su Canale 5: “É una bellissima esperienza, quest’anno c’è un nuovo format, ancora più ricco, sono stati aggiunti quattro giudici d’eccellenza con cui si creano delle divertenti “faide” col muro dei 100 giudici sui giudizi da dare alle performance dei cantanti. La qualità è molto alta, anche la scelta dei concorrenti che restano dalla prima puntata fino alla fine del programma e ci raccontano le loro storie personali, andando al di là della loro professione e scavando più in profondità. Per me è sempre una grande festa, inoltre nel muro ci sono più o meno gli stessi personaggi dell’anno scorso e si è creata una piccola famiglia, nonostante le restrizioni imposte per il coronavirus siamo riusciti a mantenere anche la parte ludica alta”.

E intanto prosegue il lavoro sui nuovi brani, in particolare su quello che Senhit porterà all’Eurovision Song Contest del 2021 a Rotterdam. L’attesa e la curiosità sono grandi, ma la cantante promette: “Lo scoprirete presto!”.