Si recupera il 12 maggio il concerto dei Fuzztones che era saltato lo scorso 15 dicembre, ultimo appuntamento previsto per l’appendice “winter” dell’undicesimo Karel Music Expo organizzato a Cagliari dalla cooperativa Vox Day. Sarà la Cueva Rock di Quartucciu a ospitare l’atteso appuntamento con la band guidata dal cantante e chitarrista Rudi Protrudi, che aveva dovuto cancellare l’impegno per motivi di salute del suo leader e fondatore. Con lui sul palco per questa unica tappa in terra sarda, con inizio alle 22, ci saranno Lana Loveland all’organo, David Thorpe al basso e Marco Rivagli alla batteria.

I biglietti, a tredici euro (più due di diritti di prevendita) si possono acquistare da venerdì 23 marzo (a partire dalle 11) online e nei punti vendita Vivaticket; previo appuntamento telefonico al numero 070 84 03 45, prevendita anche presso la sede di Vox Day a Selargius (in via Gramsci, 2c). Diciotto euro, invece, il prezzo del biglietto se acquistato alla porta la sera del concerto. L’ingresso è riservato esclusivamente ai possessori di tessera CSEN/CSAIN. Per chi non ne fosse in possesso, sarà possibile richiederla direttamente la sera del concerto alla Cueva al costo di due euro (validità un anno).

Pionieri del “garage revival”, precursori e ispiratori di tanti altri gruppi, in trentotto anni di attività, passando attraverso vari cambiamenti di organico, scioglimenti e ricostituzioni, i Fuzztones hanno raggiunto lo status di cult band. Influenzati dal garage punk degli anni Sessanta, si sono ispirati da subito a esperienze e nomi come The Sonics, Paul Revere & The Raiders, The Music Machine e i Gonn (un classico di questi ultimi, “Blackout di Gretely”, è stato un punto fermo nel repertorio di Rudi Protrudi e soci).

Nato nell’estate del 1980, nelle viscere dell’East Side di New York, il gruppo è stato presto una presenza fissa nei locali più caldi della Grande Mela, come il CBGB e il Mudd Club. Utilizzando il fuzzbox (un effetto a pedale usato da molti gruppi degli anni Sessanta per ottenere dalla chitarra dei suoni “psichedelici” molto distorti), i Fuzztones hanno creato un sound che hanno chiamato “Grunge” (nel singolo “Bad News Travels Fast”, del 1984, il chitarrista Elan Portnoy è accreditato come “lead grunge”, almeno un decennio prima dell’invasione Grunge di Seattle), e si sono guadagnati il soprannome di “Guru del Garage Grunge”.

Col primo tour europeo, nel 1985, che in tre mesi ha fatto tappa in Inghilterra, Galles, Scozia, Germania e Italia, la band si è costruita nel vecchio continente un seguito appassionato e fedele che dura ancora oggi. I Fuzztones compaiono in più di ottanta dischi in vinile e CD, inclusi almeno quindici album, innumerevoli singoli e compilation. L’album di debutto, “Lysergic Emanations”, del 1985, è stato pubblicato da ben sei etichette diverse.