“Sinnova ancora una volta si svolge all’interno di quella che fu la Manifattura Tabacchi, un luogo simbolico del lavoro di uomini e soprattutto donne che hanno contrassegnato la storia di Cagliari e non solo. Un luogo, però, che ancora, è capace di caratterizzare la città attraverso l’innovazione tecnologica e alle tante e tante imprese che stanno sviluppando idee, progetti e prodotti che sino a sabato saranno ospitate proprio nella ex fabbrica di viale Regina Margherita”.

Il sindaco Massimo Zedda è intervenuto questa mattina all’ex Manifattura Tabacchi all’inaugurazione dell’edizione numero 5 di Sinnova, plaudendo per l’inappuntabile organizzazione e i risultati conseguiti. Precisa anche la volontà di sottolineare come l’evento rappresenta per Cagliari e tutta l’Isola, un tassello importante per quella che oggi si anche definisce come “economia collaborativa”, che consente a persone e aziende di condividere l’accesso a prodotti, servizi ed esperienze.

Dal 5 al 7 ottobre si terrà a Cagliari SINNOVA 2017, la quinta edizione del Salone dell’innovazione in Sardegna. L’evento, che si svolgerà presso la Manifattura Tabacchi, è organizzato da Sardegna Ricerche in collaborazione con l’Assessorato regionale della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio. I primi due giorni, giovedì 5 e venerdì 6 ottobre 2017, saranno dedicati alle imprese. Il programma di sabato 7 ottobre invece sarà interamente incentrato sul programma regionale “Tutti a Iscol@ – Linea B2”.

L’edizione 2017, si legge nelle pagine del sito web che accompagna l’iniziativa, ospiterà nelle prime due giornate 100 imprese espositrici, divise in cinque settori di riferimento: ICT, con 60 aziende, poi turismo, cultura e ambiente in cui operano 20 imprese, le reti intelligenti per la gestione efficiente dell’energia con 9 soggetti, biomedicina con 7 e agroindustria con 4 aziende. Sono 11 invece gli enti e istituzioni presenti (Sardegna Ricerche, Università di Cagliari, Università di Sassari, Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato Pubblica Istruzione, Assessorato Industria, Assessorato Programmazione, CRS4, Porto Conte Ricerche, IMC, Joint Innovation Center), oltre alle due multinazionali Amazon e Huawei, il fondo di venture capital italiano Vertis e la Bei (Banca europea degli investimenti).

Workshop, convegni e tavole rotonde prenderanno il via giovedì 5 ottobre alle 9,30. Saranno affrontati numerosi temi tra cui quelli legati alla Strategia di specializzazione intelligente (S3) della Regione Sardegna e ai suoi settori di riferimento (ad esempio ICT, aerospazio, energia ecc.). E ancora visual storytelling, turismo sostenibile, fondi di investimento e smart city.

Alla manifestazione ha dedicato parole di attenzione anche il vice presidente della Regione Raffaele Paci che ha definito il Salone come “una grande occasione, raccordo fra innovazione, cultura e arte” dopo avere, assieme al sindaco Zedda, aperto la cerimonia con il simbolico taglio del nastro.