La Cagliari Dinamo Academy ha iniziato la stagione 2018/19, la seconda della sua giovanissima storia, sempre nella Serie A2 di basket. I rossoblù si sono radunati lo scorso 8 agosto e poi, subito dopo Ferragosto, sono volati in Cina per una tournée inserita nel processo di internazionalizzazione del brand Dinamo Basket.

Cagliari è stata la prima squadra della A2 italiana a partire per una tournée in Oriente, accompagnata dall’amministratore delegato dell’intero mondo Dinamo (Sassari e Cagliari), Renato Nicolai e dal general manager Viola Frongia. La Cagliari Dinamo Academy ha potuto così giocare, lontanissima da casa, le sue prime partite della nuova stagione. Nello specifico, la squadra di coach Riccardo Paolini si è confrontata con una rappresentativa statunitense ed il Team China ed una selezione di giocatori della seconda categoria tedesca. L’Academy ha giocato due volte con ognuna di queste squadre, cogliendo una sola vittoria. Nella gara di esordio del primo torneo, disputato alla Long Gang Gym di Wenzhou, città portuale nel sud della provincia dello Zhejiang, capitan Bucarelli e compagni si sono imposti, dopo un overtime, sul Team USA per 105-97. Privi di Miles e Gallizzi, rimasti in Sardegna per questioni burocratiche, i rossoblù hanno faticato nel primo quarto ed in avvio di secondo, per poi trovare la rimonta che li ha riportati in partita, a ridosso dell’intervallo lungo. Qualche break prontamente ricucito dall’“inseguitrice” di turno ha portato il match ai tempi supplementari, dove Cagliari, incitata dal pubblico cinese, è riuscita a spuntarla grazie ad un parziale di 6-0 messo a segno, in apertura di mini-tempo, dal trio Johnson-Picarelli-Matrone.

Non altrettanto fortunata la seconda partita, contro il Team China, nella quale coach Paolini ha dovuto rinunciare anche a Rovatti, fermato da un acciacco. Gara piuttosto fisica e sostanzialmente equilibrata, che si è risolta negli ultimi minuti. Una Academy ridotta all’osso dalle uscite per cinque falli di Matrone e Bucarelli, ha spianato la strada agli orientali, cedendo comunque di tre sole lunghezze (71-74) e dopo aver avuto due volte nelle mani il tiro del possibile pareggio.

 

Roberto Rullo

 

Il torneo di Wenzhou si è poi chiuso con un’altra sconfitta, per 72-82, per mano della selezione tedesca. Dopo una buona partenza, i cagliaritani sono stati prontamente “riacchiappati” dagli avversari, caldissimi nel tiro dalla lunga distanza. Sono state proprio le triple a far volare i tedeschi già nel secondo quarto, con Cagliari che ha dovuto mettere a riposo precauzionale Allegretti ed è apparsa stanca dalla fitta tre giorni di gare. Il team di coach Paolini ha chiuso il torneo al terzo posto, poi le squadre si sono trasferite a Weng’an per un nuovo “giro” di incontri.

Torneo decisamente più “difficoltoso” per una Cagliari Dinamo Academy molto provata da stanchezza e piccoli acciacchi tipici delle preparazioni estive, a maggior ragione quando si giocano sei partite in una settimana. Capitan Bucarelli e compagni hanno perso in modo piuttosto netto tutte e tre le partite, riuscendo ad opporre alle avversarie le poche, ultime energie rimaste. E così, contro il Team USA la gara è terminata con il punteggio di 70-87, contro la formazione cinese 74-93 e con quella tedesca 41-78. Si è trattato, in ogni caso, di un’esperienza importante per la squadra, che ha potuto mettersi in moto verso la stagione agonistica, e per la società, che ha preso contatto con una realtà ed una cultura lontane e diverse dalla nostra, scrutandole.

I rossoblù svolgeranno ora tanto lavoro in palestra, in Sardegna, ed il prossimo appuntamento con le partite (a meno di altre amichevoli, magari con qualche pari-categoria, al momento non note) sarà il Torneo Città di Sassari – Mimì Anselmi, in programma, appunto, al PalaSerradimigni di Sassari il 28 e 29 settembre ed al quale parteciperanno anche Dinamo Banco di Sardegna, Umana Reyer Venezia e la neopromossa in Serie A Alma Trieste.

Poi sarà campionato, quest’anno nel girone Est, a partire da domenica 7 ottobre, data in cui la squadra di coach Paolini ospiterà al PalaPirastu l’Unieuro Forlì.