Per Oristano Città Europea dello Sport è giunto il momento della festa finale. Appuntamento per stasera, sabato 8 febbraio, prima con l’anteprima alle 17 in piazza Eleonora da dove un corteo delle società sportive oristanesi partirà alla volta del nuovo Palasport di Sa Rodia dove, invece, alle 18, alla presenza dei grandi campioni italiani dello sport mondiale, si terrà la cerimonia di chiusura di Oristano Città Europea dello Sport.

I protagonisti saranno la schermitrice Margherita Granbassi (fiorettista, due volte medaglia di bronzo alle Olimpiadi e oggi conduttrice televisiva), la pallavolista Maurizia Cacciatori (228 volte maglia azzurra, medaglia d’argento e di bronzo agli europei in Italia e Bulgaria) il nuotatore Massimiliano Rosolino (campione olimpico a Sydney nel 2000 e mondiale a Fukuoka nel 2001 nei 200 metri misti; quattordici volte campione europeo e 60 volte a medaglia in manifestazioni internazionali) e con un videomessaggio il campione di motocross Tony Cairoli (nove volte campione del mondo).

Insieme a loro sul parquet di Sa Rodia Stefano Oppo al quale il Sindaco Andrea Lutzu assegnerà il titolo di ambasciatore dello sport oristanese, i campioni del mondo di windsurf Nicolò e Maddalena Spanu e quelli di basket dell’Atletico AIPD Oristano.

Durante la serata, presentata dalla conduttrice di Sky sport Federica Masolin, lo spettacolo sarà assicurato dall’esibizione di calcio acrobatico del Fast-Foot freestyle calcio.

Stefano Oppo

È un titolo quello di Ambasciatore dello sport che mi riempie d’orgoglio; la mia città mi è sempre stata vicina anche nelle competizioni internazionali, ben lontane dal territorio sardo.
Spero che la manifestazione Oristano Città Europea dello Sport 2019 possa dare ancora nuovo slancio a tutto il panorama sportivo sia oristanese sia – in generale – sardo.
La stagione 2020 è ufficialmente iniziata; siamo in ritiro con la nazionale per preparare i nuovi appuntamenti.
Il primo di questi sarà il Meeting Nazionale, proprio qui a Sabaudia, dove si disputerà anche la I tappa di Coppa del mondo; sarà un appuntamento importante anche perché giocheremo in casa.

Stefano Oppo