Arpa, voce e chitarra per ricordare una grande interprete della musica tradizionale sarda: “(In)canto rituale – Omaggio a Maria Carta” è il secondo disco cofirmato da Beppe Dettori (voce e chitarra acustica) e Raoul Moretti (arpa elettrica ed elettronica). Lunedì 7 settembre alle 21 sarà presentato nel villaggio Nuragico di Palmavera, ad Alghero, in chiusura degli appuntamenti che l’Associazione musicale Laborintus ha organizzato nel cartellone dell’estate algherese. 

La serata, patrocinata dall’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Alghero e dalla Fondazione Alghero, vede anche la partecipazione della Fondazione Maria Carta. 

Uscito nel 2020, “(In)canto rituale” riunisce sette brani famosi della tradizione sarda, che già l’artista di Siligo aveva reinterpretato in modo innovativo, tra gli altri “Deus ti salvet maria”, “Corsicana”, “No potho reposare”, e un inedito in italiano, “Ombre”, storia di una bambina che scaccia col canto la paura del crepuscolo. Si tratta della trasposizione in canzone della poesia che apre il libro “Canto rituale”, l’unico pubblicato da Maria Carta, una raccolta in versi edita a Roma nel 1975. 

Con “(In)canto rituale”, finalista per le Targhe Tenco 2020, Beppe Dettori, storico membro dei Tazenda, e Raoul Moretti, arpista italo-svizzero, continuano la ricerca che già li aveva portati, nel 2019, a firmare “S’incantu e sas cordas”, album che univa canto armonico tuvano e tibetano con melodie sardo-mediterranee. 

La serata del 7 settembre, presentata dal giornalista e musicologo Giacomo Serreli, rientra all’interno del progetto di Laborintus “Un concetto, un’idea”, che gode del sostegno della Regione Autonoma della Sardegna.
Per partecipare allo spettacolo, che si svolgerà nell’area archeologica del Nuraghe Palmavera, gestita dalla Cooperativa S.I.L.T. (Sarda Interpreti Lingue e Turismo), è obbligatoria la prenotazione chiamando al 3498024059. Il costo dello spettacolo è di 15 euro. È necessario, inoltre, presentarsi mezz’ora prima dell’orario di inizio, muniti di mascherina, ed effettuare l’iscrizione secondo le vigenti normative anti-Covid.