Robben Ford – il virtuoso del blues, del jazz e del rock -, uno dei più innovativi e influenti chitarristi contemporanei, cantante e compositore con quasi 50 anni di straordinaria carriera alle spalle e sulle corde della sua chitarra, sarà in Italia a novembre per una serie di imperdibili concerti con il suo nuovo album Purple House.

Da Bologna a Lucca, passando per Roma, Fidenza, Schio, Brescia, Novara e Bergamo: nel mezzo, il prossimo 17 novembre, l’appuntamento sassarese – unico sull’Isola – con il palcoscenico del Teatro Verdi di Sassari ad ospitare quello che la rivista Musician ha definito “uno dei 100 più grandi chitarristi del 20° secolo”.

Un evento imperdibile per cultori, musicisti, appassionati e semplici curiosi. Uno spettacolo unico organizzato in sinergia dalla cooperativa Le Ragazze Terribili e Insula Events: tagliandi disponibili presso la sede sassarese delle Ragazze Terribili in via Tempio n. 65, info e prenotazioni allo 079/278275. Posti in platea al costo di 31 euro, posti in galleria al costo di 23 euro, compresi diritti di prevendita.

 

Robben Ford, cinque candidature al Grammy in curriculum, ha ottenuto fama mondiale grazie al suo incredibile talento da solista e alle collaborazioni con artisti del calibro di Miles Davis, George Harrison, Steely Dan, Joni Mitchell, Dizzy Gillespie, Georgie Fame, i Kiss e molti altri.

Figlio di genitori musicisti, Robben Ford ha scoperto sin da subito il suo amore viscerale per la musica e, soprattutto, per la chitarra. Amore che perdura e durerà per sempre. Al presente è forte il suo impegno nell’insegnare e trasmettere ciò che ha imparato negli anni ai giovani e futuri musicisti, componente essenziale del suo vivere e del suo essere artista.

Purple House è il suo nuovo album in studio co-prodotto da Casey Wasner la cui genesi, secondo Robben Ford, è stata semplice e senza complicazioni: “La mia idea iniziale era fare un disco con quanta più enfasi possibile rispetto al passato. Non volevo un disco che suonasse come il precedente, Purple House è stata una grande opportunità per provare a realizzare qualcosa di veramente diverso”.

Alla realizzazione di Purple House hanno partecipato ospiti speciali come la cantante blues Shemekia Copeland – duetto con Robben Ford in Break In The Chain -, il cantante dei Natchez Travis McCready, la band del Mississippi Bishop Gunn in Somebody’s Fool. Fantastico poi l’assolo di chitarra regalato da Bishop Gunn Drew Smithers al brano conclusivo dell’album Willing To Wait.