Nella borgata di Bancali, tranne che nel carcere, l’acqua non è adatta al consumo umano diretto, come bevanda e per la preparazione degli alimenti; può essere utilizzata per il lavaggio della frutta e verdura e per tutti gli usi igienici, compresa l’igiene personale.

Lo si legge nell’ordinanza firmata dal sindaco Gian Vittorio Campus a seguito dei controlli compiuti dal dipartimento di Prevenzione – servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione della Ats Sardegna che hanno evidenziato la non conformità ai parametri dei nitriti. L’ordinanza riguarda tutta la borgata a eccezione del carcere, che è servito da un’altra condotta.

A seguito dell’ordinanza, è stato attivato un servizio di autobotte con stazionamento nella piazzetta della chiesa di Bancali tutti i giorni dalle 16 alle 19, fino alla revoca dell’ordinanza.