La Dinamo Banco di Sardegna onora la sua storia e lo fa nella straordinaria cornice di Berlino. Questo pomeriggio, alla Sporthalle Leistikow, nella capitale tedesca, le Dinamo Legends hanno affrontato i veterani dell’Alba Berlino nella terza edizione della All Star Legends Night. In un clima di elettrico entusiasmo le Legends guidate da coach Sergio Contini hanno affrontato la formazione tedesca, già incontrato al PalaSerradimigni nel 2016: nessun indugio sul parquet, i biancoverdi condotti dal duo Becirovic-Savanovic si sono imposti con autorità sui padroni di casa (105-59). Una festa, dentro e fuori dal campo, con tanto agonismo e voglia di onorare la maglia Dinamo, nella massima espressione della celebrazione della storia del club: dopo i 40 minuti di battaglia sul parquet tutti i giocatori biancoverdi a referto.

A trionfare sul parquet tedesco è l’amore per il basket e per tutti i messaggi positivi di cui questo sport è ambasciatore. Al termine della sfida un terzo tempo carico di significati tra i padroni di casa e la squadra sassarese, in quello che rappresenta un inno all’amicizia e al rispetto, nel segno del fairplay e della voglia di divertirsi dentro e fuori dal campo.

Honor the history. A Berlino si onora la storia dei cinquantotto anni della Dinamo Banco di Sardegna, nell’orgogliosa affermazione dei due principi che sono fondanti della filosofia Dinamo: da un lato il Ca semus prus de unu giogu, mantra biancoblu che ha condotto in questi anni il cammino dei sassaresi, dall’altro l’imperativo della prossima stagione, ovvero dare l’anima. Il fare squadra, il condividere insieme gli stessi obiettivi ed essere disposti a dare tutto sul parquet è ciò che da sempre contraddistingue i giocatori della Dinamo, presenti e passati: gli uomini che questa sera hanno rappresentato una città, un’isola intera, alla Leistikow Sporthalle sono giocatori che pur vestendo la maglia biancoblu per una sola stagione, che fosse in serie A, Legadue o B1 poco importa- hanno dato l’anima e sono disposti a farlo per questi colori anche oggi, a distanza di anni e, in qualche caso, decenni.

 

La sfida. Coach Contini manda in campo Angius, Bonino, Becirovic, Donati e Savanovic,: i sassaresi partono forte firmando il primo break con bomba e appoggio al tabellone di Becirovic. Si iscrivono a referto Mauro Bonino e Dimitrios Tsaldaris: Iceman punisce dalla lunga distanza e il greco lo segue a ruota. I padroni di casa si sbloccano con Peterveni ma un parziale del Maestro Savanovic chiude la prima frazione 19-12 per gli isolani. Nel secondo quarto l’Alba si riporta in partita trascinata da Rucker, che sigla un parziale di 10 lunghezze. Non ci stanno le Legends che attaccano con efficacia con Rolando, Mastroianni, Angius. Determinante l’aiuto dell’asse slavo Savanovic-Becirovic. All’intervallo lungo biancoverdi in controllo 49-34. Nel secondo tempo i veterani sassaresi scappano via grazie a un’ottima circolazione di palla e tanta fiducia: a referto anche Gigi Donati e Fulvio Mazzittelli. Dopo 30’ il tabellone dice 75-50. Negli ultimi dieci minuti non cambia il copione: con un parziale di 9-30 le Dinamo Legends conquistano la sfida che finisce 105-59.

Alba Berlino Veterans 59 – Dinamo Legends 105
Parziali: 12-19; 22-30; 16-26; 9-30.
Progressivi: 12-19; 34-49; 50-75; 59-105.

Alba Berlino Veterans. Lehnard 17, Wossnitza, Ehebald 4, Petersen 5, Rucker 9, Goergen, Schneider 2, Stauven 16, Knoke 4, Wadehn 4. All. NiekeGunter

Dinamo Legends. Mastroianni 10, Angius 10, Becirovic 20, Bonino 10, Rolando 8, Tsaldaris 11, Savanovic 20, Mazzittelli 6, Donati 10. All. Sergio Contini.