È stato presentato ieri mattina nella sala Commissioni del palazzo comunale il progetto Beautiful Equestrian Society, ideato dal Circolo Ippico Equitazione Porto Torres nell’ambito dell’iniziativa Agorà. Il progetto è finanziato attraverso il Piano Locale Unitario dei Servizi alla persona, il sistema di servizi sociosanitari in cui è ricompreso anche il Comune di Porto Torres. Saranno coinvolte due classi degli Istituti Comprensivi n. 1 e n. 2.

«Dopo qualche anno di assenza sono ripartiti i progetti Agorà che favoriscono l’integrazione, la socializzazione e l’orientamento al lavoro per i giovani. Porto Torres – ha sottolineato l’Assessora alle Politiche sociali, Rosella Nuvoli – ha beneficiato di due progetti: uno, quello proposto da XL Center, si è appena concluso; l’altro, proposto dal circolo ippico, partirà ad ottobre e coinvolgerà una classe di ogni istituto comprensivo».

«Se il primo progetto aveva un taglio soprattutto sulla formazione professionale – ha aggiunto il funzionario del settore Politiche sociali, Marcello Tellini – quello che comincerà nei prossimi giorni si concentrerà esclusivamente sugli aspetti educativi». Il rapporto con un animale, in questo caso il cavallo, può avere, infatti, ricadute positive sul piano relazionale dei ragazzi. «Lavorando da anni a contatto con i giovani sappiamo che sono sempre più diffusi problemi nell’attenzione e nei comportamenti. Queste mancanze sfociano spesso in atteggiamenti aggressivi, atti di bullismo e nell’abbandono scolastico. Il nostro progetto sperimentale – ha spiegato la Presidente del Circolo Ippico Equitazione Porto Torres, Maria Laura Borgacci – si basa sulla creazione di una relazione con il cavallo, che per natura è un animale che stimola il senso di responsabilità, perché ha bisogno di essere accudito e condotto. Queste necessità di attenzioni da riporre sull’animale possono rafforzare il carattere dei ragazzi e far crescere la loro autostima, spingendoli a cambiare il modo di relazionarsi con le persone».

Le attività avranno cadenza settimanale, dureranno sei mesi e si svolgeranno nel maneggio di via Fontana Vecchia. Prevedono la visita didattica, la conoscenza del cavallo, la cura e la gestione tecnica dell’animale e della scuderia, gli aspetti fondamentali dell’equitazione, la vita nel centro ippico, la messa in sella, il battesimo del pony, giochi equestri e lezioni. Diverse le figure impegnate nel progetto: istruttori di equitazione, un operatore di area ludico sportiva di riabilitazione equestre, un artiere e groom, un assistente sociale, un educatore professionale e alcuni volontari. Alla conferenza di presentazione hanno partecipato anche le docenti referenti dell’Istituto Comprensivo n. 1, Maria Alessandra Congiatu e Patrizia Pirino, e la groom del Centro Ippico Equitazione Porto Torres, Marta Ligas.