La scena in cui Harold Lloyd si aggrappa alle lancette di un orologio, sospeso nel vuoto al di sopra di una strada trafficata, è uno dei primi geniali effetti speciali della storia del cinema che ha reso “Safety Last” (Preferisco l’ascensore) tra i più celebri film in assoluto per il genere comico muto.

Il 28 dicembre, alle 19 al Teatro Intrepidi Monelli, l’associazione culturale La Macchina Cinema (Ficc) ne ripropone la proiezione integrale, per un evento speciale che suggellerà l’epilogo di una strepitosa IV edizione della rassegna “Storie di volti e di silenzi. La magia del cinema muto”.

A fare da colonna sonora al film prodotto nel 1923 sotto la direzione di Fred Newmeyer e Sam Taylor, sarà infatti l’orchestra Balkanski Put (La via dei Balcani), che si esibirà del vivo per dare anima in note a questo capolavoro del cinema.

La Balkanski Put, in arrivo da Roma, è composta da Zdenko Trivic alla batteria, Vukasin Rodic alla chitarra, Katarina Lazic al violino e Giancarlo Di Fabio al basso. A introdurre il film, dopo i saluti degli organizzatori, sarà la critica cinematografica Gabriella Gallozzi, direttrice della rivista specializzata BookCiak Magazine. L’ingresso è libero e gratuito. Al termine verrà offerto un buffet agli spettatori.

L’iniziativa arriva a chiusura di una memorabile edizione sotto la direzione artistica di Patrizia Masala, che ha presentato un’impronta dedicata interamente al “comico muto”, probabilmente unica del genere in Italia.

Il ciclo di appuntamenti, realizzato grazie al sostegno dell’assessorato regionale alla Cultura della RAS, negli ultimi due mesi ha portato nella sala Hermaea di Cagliari-Pirri ben cinquantadue film per quattordici serate di proiezioni con i più grandi interpreti del genere comico che hanno segnato la storia del cinema muto internazionale.

Tra questi Charlie Chaplin, Buster Keaton, Harold Lloyd, Stan Laurel, Oliver Hardy, André Deed, Marcel Fabre, Ferdinando Guillaume ed Ernesto Vaser. Alle proiezioni sono stati accostati seminari di approfondimento e di formazione del pubblico e cinque cine-concerti coordinati da Alessandro Macis.

Tra gli ospiti hanno partecipato docenti, critici cinematografici, esperti e operatori culturali.

Per info contattare lamacchinacinema@gmail.com o il 328 0951378.