Il sindaco di Sassari Gian Vittorio Campus ha firmato questa mattina una nuova ordinanza contenente l’adeguamento delle misure di contenimento da attuarsi sul territorio comunale per il contrasto al diffondersi del Virus COVID-19.

Le disposizioni del presente provvedimento producono effetto dal 27 aprile 2020 fino a nuovo provvedimento eventualmente in contrasto con questo. Le ordinanze n.12 del 12 marzo 2020, n.13 del 20 marzo 2020, n.14 del 23 marzo 2020, n.15 del 26 marzo 2020, n.18 del 30 marzo 2020, n.19 del 3 aprile 2020, n.21 dell’8 aprile 2020, n.24 del 14 aprile 2020, n. 26 del 25 aprile 2020, adottate ad integrazione delle disposizioni ministeriali al fine di arginare il diffondersi a livello locale del Covid-19, sono efficaci laddove non confliggono con il presente provvedimento.

  1. Conformemente al disposto di cui all’allegato 1 del DPCM 10 aprile 2020, in armonia con quanto sancito dall’Ordinanza del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna n.19 del 13 aprile 2020, sono consentite le attività di commercio di carta, cartone e articoli di cartoleria; di commercio al dettaglio di libri e di commercio al dettaglio di vestiti per bambini e neonati, nonché la riapertura al pubblico degli studi professionali.
  2. È consentito lo spostamento dalle abitazioni di proprietari, locatari o usufruttuari di poderi, orti, vigneti ed ortofrutticole in genere per la conduzione hobbistica dei suddetti terreni.
    Il terreno dovrà trovarsi nella disponibilità del proprietario o conduttore che potrà raggiungere la campagna con l’intero nucleo familiare, anche a bordo dello stesso veicolo, e ciò allo scopo di favorire la frequentazione di spazi all’area aperta da parte di bambini e di adulti.
    Si dovrà assicurare la cura e la pulizia dei terreni, e in particolare lo sfalcio delle erbacce prima dell’inizio della stagione ad elevato rischio incendi e potrà svolgersi inoltre attività motoria e/o sportiva.
    Lo spostamento nei suddetti terreni permetterà, anche, di ridurre i rischi di assembramenti nelle aree urbane e i contatti tra persone estranee, ovvero che fanno parte di nuclei familiari diversi; rimane pertanto vietato organizzare incontri e radunarsi con persone estranee al nucleo familiare.
  3. in applicazione dell’ordinanza sindacale n. 26 del 25 aprile, è inteso che gli spostamenti individuali, sia a piedi che in auto, dei soggetti adulti è consentita anche con la presenza di figli minori, rimanendo a carico del genitore l’obbligo di far rispettare al minore la distanza dagli estranei.

Con specifico riferimento al regime sanzionatorio, si applicano le norme di cui all’art. 4 del D.L. n.19 del 25 marzo 2020, conformemente a quanto sancito dall’art. 3 del suddetto Decreto.