«Il 26 agosto scorso la Tc dell’ospedale Santissima Annunziata era in funzione e la macchina del pronto soccorso sassarese, all’arrivo dell’ambulanza “Mike” da Nuoro con una paziente in codice rosso, ha risposto in maniera adeguata».

È quanto fa sapere la direzione aziendale dell’Aou di Sassari che fornisce alcune doverose precisazioni alle dichiarazioni del rappresentante del movimento Unidos, apparse oggi sulla stampa locale.

Dalla scheda compilata dai medici del pronto soccorso, risulta che la paziente è arrivata il 26 agosto alla struttura del Santissima Annunziata alle ore 20,34 a bordo di un’ambulanza medicalizzata. Dopo essere stata sottoposta alle prime visite dei medici della medicina d’urgenza, che hanno contattato sia la Stroke Unit sia la Radiologia, alle 20,48 è stata sottoposta a Tc e alle 21,10 il medico radiologo ha steso il referto.

«La donna – sottolinea la direzione aziendale – è stata prontamente visitata anche dal neurochirurgo che l’ha ritenuta non suscettibile di intervento e, pertanto, è stata ricoverata in medicina d’urgenza, reparto in cui, al momento, si trova ricoverata. A oggi la paziente è stabile e in lieve recupero funzionale.

«Nessuna TC guasta quindi – ribadisce la direzione aziendale – e non c’è stato alcun ritardo da parte del pronto soccorso nella presa in carico della paziente».

Dalla direzione quindi l’invito a «evitare la diffusione di notizie non verificate che, oltre a offendere l’operato degli operatori sanitari impegnati ogni giorno al servizio dell’utenza, generano nei cittadini sfiducia verso un apparato che, invece, è in grado di mostrare la sua efficacia ed efficienza». La struttura della Stroke Unit, infatti, a Sassari è attiva 24 su 24 ed è in grado di intervenire in tempi rapidissimi dalla chiamata del pronto soccorso. La stessa risposta è in grado di darla la Neurochirurgia con un neurochirurgo presente h24 e pronto a intervenire in pochi minuti in caso di necessità.