Belli sia il testo, sia le illustrazioni di Raffaele Pikereddu che spesso commuovono. Dopo aver accompagnato gli studenti del primo semestre, la storia del Girasole Unpoquaunpolà smuoverà le coscienze dei prossimi milletrecento studenti. Il libro scritto da Manolo Cattari sarà presentato ufficialmente a Sassari, giovedì 26 settembre 2019 alle ore 20:30, presso il Campo Comunale degli Arcieri Torres, fianco Stadio “Vanni Sanna”.

Per rendere particolarmente appetibile l’evento si è voluta dare un’impostazione atipica con la partecipazione dell’Associazione Teatrale Paco Mustèla, diretta da Pier Natale Sanna. Il tutto grazie all’impronta organizzativa che porta le firme di Monica Pirina e Tino Marongiu.

Manolo Cattari. Foto Andrea Pira

Ma cosa succederà esattamente durante lo spettacolo? Lo spiega direttamente l’autore del libro: “Alla realizzazione dell’opera hanno collaborato tanti artisti – precisa Manolo Cattari – e volevo che si sentissero parte attiva. L’idea è di far venire incontro il mondo artistico con quello sportivo, dando vita a momenti particolari, sospesi tra sport e cultura, che per forza di cose entreranno in contatto con la storia del Girasole, costretto improvvisamente a muoversi, a pensare e a sentire diversamente. I testimonial paralimpici che parteciperanno saranno introdotti da momenti di teatro in cui un attore reciterà poesie e segmenti narrativi inerenti la loro storia personale e agonistica, musicati da Gianni Casu. Sarà un mix tra cultura, sport e intrattenimento”.

Parteciperanno gli atleti paralimpici Nicola Azara, Salvatore Cocco, Giuseppe Scanu, Roberta Pinna, e l’equipe del Progetto Albatross.

Tra gli invitati speciali non poteva mancare la presidente del CIP Sardegna Cristina Sanna.