Trovare il piacere della storia attraverso la narrazione documentata e attenta, divulgarla in modo divertente e ludica, creare percorsi tematici di archeologia, tradizione passando attraverso l’enogastronomia della Sardegna in sinergia con attività del settore ristorativo e altre associazioni, offrendo ai partecipanti, i veri protagonisti delle nostre iniziative, un’atmosfera sensoriale unica, rispettando i tempi lenti dello slow travel e l’inclusione delle persone con disabilità, per abbattere qualsiasi barriera culturale, sociale e fisica. Con questi presupposti nasce il progetto “Storia vagante, itinerari Culturali e del Gusto” dell’associazione Culturale Storia Vagante, operante nel territorio dal 2015.

Storia Vagante, itinerari Culturali e del Gusto in questi mesi ha proposto i suoi percorsi a Sassari trattando diverse tematiche, nel giugno scorso si è parlato di “Nobiltà sassarese tra Seicento e Settecento”, un percorso cittadino in cui si sono intrecciate le vicende di tre nobili famiglie sassaresi (Pilo, Manca e Cugia) con una narrazione a tre voci, condotta da una storica, un’archeologa e un’esperta di costume e societá. L’itinerario è stato arricchito dalle letture di documenti inediti in lingua originale da parte di attori professionisti in abiti d’epoca.

L’evento si è concluso con un aperitivo a tema rispettoso dello sfarzo della nobiltà seicentesca con piatti a base di selvaggina, grandi cascate di frutta fresca e panadas alle anguille. Una realistica immersione nel passato, attraverso un completo coinvolgimento sensoriale.

Il 27 luglio Storia Vagante Itinerari Culturali e del Gusto presenta una nuova iniziativa: “Notte di Giustizia” in collaborazione con l’associazione Il Colombre, il social store Family Affair e il patrocinio del Comune di Sassari. L’evento intende raccontare uno scorcio della storia sassarese attraverso il tema della giustizia dal medioevo al periodo spagnolo, a partire dalle fonti scritte e archeologiche.

L’itinerario si snoda tra i vicoli, le piazze e gli edifici che conservano la memoria dell’esercizio della legge e l’applicazione delle pene, svelando particolari inediti di personaggi insoliti della società sassarese in un’atmosfera resa ancora più interessante dal fenomeno naturale dell’eclissi più lunga del secolo in cui la luna si tinge di un colore rosso come il sangue.

Il percorso ha inizio alle ore 18.00 in Largo Porta Utzeri, in cui si racconteranno le origini del Comune nel suo ruolo istituzionale.

Si prosegue verso la Colthi di lu Diàru (Quadrato Frassu) pretesto per parlare della giustizia cittadina nella storia, con pillole della Sassari ridanciana.

Si arriva all’edificio cuore della municipalità, Palazzo di Città, dove verrà effettuata la visita guidata.

Si continua verso altri luoghi simbolo della giustizia: Piazza Tola e il Carcere di San Leonardo (ex Tipografia Chiarella).

In Piazza Castello, ultima tappa, sarà possibile assistere, davanti ai resti del Castello Aragonese, antico tribunale e carcere dell’inquisizione spagnola, alla rievocazione di uno dei processi più clamorosi dell’Inquisizione, la condanna a Toledo di Sigismondo Arquer.

A conclusione della passeggiata si potrà degustare un aperitivo presso il social store Family Affair in via Brigata Sassari, 42.

Per info e iscrizioni 3293832072 – 3881214303