Nuovi controlli e purtroppo ancora nuove denunce nei confronti di persone che non hanno ancora capito la gravità della situazione ed escono senza comprovate motivazioni, mettendo in pericolo se stessi, altri cittadini che incontrano e i conviventi.

Ieri la Polizia locale ha eseguito 74 controlli sulle persone nelle strade e negli spazi pubblici e sette su attività commerciali, con cinque denunce totali. Già stamattina, nelle prime ore, è stato denunciato un altro esercente che, autorizzato ad aprire come rivendita di tabacchi, svolgeva anche attività di bar, servendo caffè.

Ieri i controlli in un bar della periferia hanno permesso di scoprire che l’attività era aperta e che all’interno c’erano due persone, oltre al proprietario, che bevevano al bancone, chiacchierando tra loro. Per tutti è scattata la denuncia ai sensi dell’articolo 650 del codice penale. Stessa sorte per altri due uomini, un sassarese e un tissese, che ieri passeggiavano per la città. Fermati dalla Polizia locale, hanno presentato l’autocerificazione agli agenti con la motivazione: «Stiamo facendo una passeggiata». Opzione non prevista tra quelle espressamente indicate come “comprovate motivazioni”.

I controlli della Polizia locale sono continui e serrati, alcuni resi possibili anche grazie alle segnalazioni di altri cittadini, la maggior parte, che hanno capito la gravità della situazione e l’importanza di rispettare tutte le norme, a tutela della salute dell’intera collettività.

Sono molti i lavoratori e le lavoratrici che devono uscire, per offrire a tutta la comunità i servizi essenziali. Lo fanno coscienti che stanno rischiando per l’incolumità propria e dei loro cari, con cui convivono. Uscire per motivi diversi da quelli previsti dalla autocertificazione, scaricabile dal sito comune.sassari.it (come acquistare beni alimentari, farmaci, andare o tornare dal lavoro, accudire i propri animali) rappresenta non solo un reato, sanzionato anche con l’arresto, ma soprattutto un grave pericolo per sé, per i conviventi e per tutte le persone che per necessità devono uscire. Per queste è anche una grandissima mancanza di rispetto e di solidarietà, in un momento in cui ci si deve sentire parte di una comunità, e ognuno può dare il proprio contributo, stando a casa. Il Covid-19 può essere anche asintomatico, quindi si può essere portatori senza avere alcun sintomo: ridurre quanto possibile i contatti tra persone a oggi è l’unico modo per contenerlo.

Sul sito www.comune.sassari.it sono pubblicate tutte le informazioni continuamente aggiornate, sia sui servizi attivi nel territorio, sia sui contatti telefonici e indirizzi mail dell’Ente per potere ottenere certificazioni, documenti e comunicazioni senza recarsi negli uffici.