Prosegue il fitto calendario di appuntamenti con la musica antica, nell’ambito del cartellone di “note senza tempo” il festival internazionale curato dall’Associazione musicale Dolci Accenti.

Dopo la prestigiosa partecipazione della clavicembalista rumena Cipriana Smarandescu lo scorso 26 Ottobre, il prossimo concerto pone un’attenzione particolare anche verso la cura della produzione e divulgazione della cultura musicale ad opera di importanti istituzioni locali, quali l’Università di Sassari.

Sarà proprio il coro dell’Ente il protagonista del concerto in programma sabato 16 Novembre alle ore 20:30 nella Chiesa della Madonna del Rosario a Sassari.

Il Coro dell’Università degli Studi di Sassari ha iniziato la sua attività nel 1999, inizialmente come Coro degli studenti dei corsi di musica, e venne istituito su iniziativa dell’allora Rettore Prof. Alessandro Maida. Dal 2005 al Coro degli studenti è stato affiancato il Coro del personale dell’Università di Sassari, per arrivare alla costituzione dell’attuale Associazione Coro dell’Università degli Studi di Sassari (2005).

L’associazione è formata dal personale dell’ateneo, sia docente che tecnico-amministrativo, dagli studenti e da membri esterni.

Il Coro ha all’attivo un variegato repertorio di brani sacri e profani di diverse epoche, con particolare attenzione a quelli della musica sarda, popolare e sacra, sia tradizionali che contemporanei.

Nei suoi impegni istituzionali, il Coro dell’Università degli Studi di Sassari partecipa annualmente all’inaugurazione dell’Anno Accademico e alla Santa Messa della Pasqua Universitaria, nonché agli eventi più salienti dell’Ateneo, rappresentato sovente l’Università in eventi prestigiosi, nazionali e internazionali. Attualmente è diretto dal M° Laura Lambroni.

Il Programma

Venite a laudare – dal Laudario di Cortona (XIII sec.)

Ave Maris Stella – Canto Gregoriano

Altissima luce con grande splendore – dal Laudario di Cortona (XIII sec.)

De la crudel morte del Cristo – dal Laudario di Cortona (XIII sec.)

Victimae paschali laudes – Canto Gregoriano.

Ave Maria – Canto Gregoriano.

Ave, donna sanctissima – dal Laudario di Cortona (XIII sec.)

Qui manducat carnem – Canto Gregoriano.

Alle psallite cum luya – Mottetto dal Codice di Montpellier (XIII sec.)

Per quella estrada – J. Ciconia (1370-1412)

Belle veullies moy retenir – G. Dufay (1397-1474)

Anima mea – M. Praetorius (1571-1621).