Al termine di un’articolata e complessa attività di indagine, condotta dal personale del nucleo Guardie zoofile della Provincia di Sassari e Olbia Tempio, coordinati dal Capo Nucleo Giovanni Azara, in collaborazione con il personale della Locale Stazione dei Carabinieri di Usini, conclusa con un provvedimento di convalida di sequestro preventivo emesso dal Tribunale di Sassari, sono stati sequestrati nell’agro di Usini diversi animali tra cui capre, cavalli, asini, poni e bovini. Gli animali una quindicina, sono stati affidati alle cure di persone idonee. I responsabili sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per maltrattamento ed abbandono di animale.

A riguardo si sottolinea che, gli animali cd da “reddito” appartenenti al patrimonio zootecnico godano delle stesse tutele giuridiche degli animali cd di “affezione” cani e gatti in particolare. Gli stessi pur essendo destinati alla macellazione devono essere detenuti in condizioni di benessere in quanto esseri senzienti, essere regolarmente registrati, conformemente alle normative Nazionali ed Europee in materia di benessere degli animali negli allevamenti, ovvero, ricadenti a pieno titolo nel novero di tutela della Legge 189/2004, compito peraltro non secondario alle competenze e funzioni di vigilanza affidato alle guardie zoofile E.N.P.A. ai sensi del D.P.R. 31 marzo 1979 art. 5.

Il nucleo Provinciale delle Guardie zoofile E.N.P.A. rimane a disposizione per ricevere denunce e segnalazioni per maltrattamenti ed abbandoni di animali all’indirizzo email: ggzz.sassari@enpa.org.