La casa de l’alguerés a Palazzo Serra. Il progetto di sostegno alla lingua algherese, la ricchezza che ci unisce a 10milioni catalano-parlanti nel mondo, unisce anche la città.

Nello storico immobile ubicato in Piazza Civica, nel cuore della città vecchia, si lavorerà insieme: la Giunta su proposta dell’Assessora alla Cultura Gabriella Esposito ha deciso di assegnare i locali a tutte le associazioni che tutelano, difendono e diffondono il catalano di Alghero.

“Un punto di riferimento per il tessuto culturale, linguistico e identitario della comunità algherese – spiega – l’obbiettivo è quello di unire esperienze, competenze, talenti, professionalità per generare un nuovo interesse nei confronti dell’uso dell’algherese soprattutto tra i giovani, le nuove generazioni a cui è affidato il compito di mantenere viva la llengua, un patrimonio conservato per sette secoli e mezzo che mantiene intatto il suo valore. La casa de l’alguerés per sviluppare il progetto di miglioramento dell’offerta culturale e turistica della città – aggiunge Gabriella Esposito – in piena attuazione del nostro programma di Alghero Capitale della Cultura che punta a valorizzare l’identità quale elemento significativo dello sviluppo economico, sociale e turistico di Alghero. Palazzo Serra sarà il motore delle attività, dove troveranno sede tutte le associazioni, lo sportello linguistico e la delegació de l’Alguer de l’Institut d’Estudis Catalans”.

I locali verranno concessi in comodato d’uso temporaneo per la durata di quattro anni. A breve il bando per l’apertura dello sportello linguistico, per completare il progetto di promozione dell’algherese con le realtà che operano in città e che lavorano a tanti progetti e iniziative in questo ambito: dai corsi per l’apprendimento ai concorsi di poesia, alla canzone popolare al teatro.