Il Parco Emanuela Loi di via Montello questa mattina, in occasione della festa dell’Unità di Italia e delle forze armate, si è tinto dei colori delle divise dei militari e delle magliette bianche degli studenti che hanno partecipato alla cerimonia celebrativa del 4 novembre. Davanti al monumento dedicato alle vittime di tutte le guerre si sono schierati la compagnia d’onore interforze della Brigata “Sassari”, una rappresentanza dei carabinieri, della polizia di Stato, della Marina, della guardia di finanza e dei vigili del fuoco. Accanto al generale della Brigata Sassari, Arturo Nitti, il sindaco Nicola Sanna, il prefetto Pietro Giardina e l’assessora regionale dell’Industria Maria Grazia Piras.

Per l’occasione il cerimoniere della Brigata ha letto prima il messaggio del Capo dello Stato Sergio Mattarella con il quale è stato messo in risalto il lavoro delle forze armate nel nostro paese e all’estero, passando dal terremoto che in questi mesi ha sconvolto l’Italia all’impegno nel Mediterraneo per il soccorso ai migranti. Nella sua lettera il Presidente della Repubblica ha sottolineato l’impegno e la professionalità con i quali i militari italiani operano nelle missioni di pace all’estero.

A seguire è stato letto il messaggio del ministro della Difesa Roberta Pinotti che ha evidenziato come la festa dell’Unita d’Italia e delle forze armate rappresenti un connubio importante, perché fu proprio l’impegno delle forze armate a portare all’epilogo di Vittorio Veneto. Un impegno straordinario che ha consentito la conquista della stima e del consenso dei cittadini per l’operato delle forze armate.

Dopo la deposizione al monumento da parte della autorità civili e militari delle corone di fiori benedette da padre Paolo Atzei, prima il presidente dell’associazione mutilati e invalidi ha letto il bollettino della vittoria del 4 novembre 1918, quindi il presidente di Nastro Azzurro ha letto la motivazione della consegna della medaglia per il milite ignoto.

È stato invece il presidente dell’associazione combattenti e reduci della provincia di Sassari, Antonio Luigi Piredda, a ricordare le quattro medaglie al valore militare conquistate dalla Brigata sul Carso, sull’altopiano di Asiago e su quello della Bainsizza e poi sul Piave.

Protagonisti della mattinata anche gli studenti dell’istituto Agrario di Sassari e delle medie dell’istituto comprensivo del Monte Rosello alto che hanno letto alcuni brani mentre quelli delle primarie di Monte Rosello alto hanno sfilato al suo del tamburo e recitato un breve testo.

Sul piazzale difronte al monumento hanno sfilato i labari delle associazioni combattentistiche e d’Arma e i gonfaloni della Città e della Provincia di Sassari. Accanto agli schieramenti il corpo bandistico “Luigi Canepa”.

Per l’amministrazione comunale erano presenti anche la presidente del consiglio comunale Esmeralda Ughi e l’assessore alle Programmazione Alessio Marras.

 

sassari_celebrazioni-4nov_parco-viamontello_4