La FIGH annuncia lo stop definitivo alla Serie A1 per la stagione 2019/2020, ma la Raimond Handball Sassari continua a correre. Nell’ottica di pianificare al meglio il campionato che verrà, il sodalizio presieduto da Luana Morreale ha già piazzato il primo colpo di mercato ed è lieto di annunciare l’ingaggio di un autentico top player: Federico Vieyra, terzino destro di origini argentine con passaporto italiano.

Nato a Buenos Aires il 21 Luglio del 1988, “El Niño” muove i primi passi con la maglia del Vicente Lopez tra il 2006 e il 2008. Dopo l’esperienza nel suo paese, il neo acquisto rossoblu si trasferisce in Spagna per difendere i colori di Torrevieja e Huesca. Al seguito dei quattro anni iberici, Vieyra vola in Francia per militare nell’Istres. Nazionale argentino, giovanile e senior, ha vinto una volta i Giochi Panamericani e ha partecipato a svariate edizioni di mondiali e giochi olimpici. Nell’ultimo lustro ha vestito la maglia dell’Ademar Leon, attuale vicecapolista della Liga Asobal, con cui ha giocato la Velux Champions League e la EHF Cup, confermandosi giocatore di livello eccelso all’interno del panorama continentale.

 “Non ci nascondiamo, questo è un grandissimo colpo – afferma il DS Andrea Giordo – Non è stato facile convincere un giocatore così ad abbandonare il campionato spagnolo per arrivare nel nostro paese. La voglia di Federico, e della sua famiglia, di fare un’esperienza nuova e di vivere nella nostra splendida isola hanno giocato un ruolo fondamentale al momento della firma. Per quello che riguarda il campo, Vieyra è quanto di più funzionale al nostro progetto, la ciliegina sulla torta che aggiungerà qualità a un reparto già eccellente e collaudato”.

Queste le prime parole di Federico Vieyra da giocatore rossoblù: “Volevo venire in Italia. Era un mio desiderio già da qualche anno, non sapevo quando si sarebbe realizzato ma sapevo che sarebbe successo. Ringrazio la Raimond per avermi offerto questa opportunità. Ho scelto questo club perché ha una squadra giovane e ambiziosa. M’impegnerò al massimo come ho sempre fatto in ogni tappa della mia carriera, così facendo sarà in grado di aiutare i miei compagni a raggiungere gli obiettivi preposti dalla società”