Dopo l’esordio con Aida Talliente, stasera – giovedì 29 agosto – si prosegue con un’altra grande donna del palcoscenico in Italia: Lucilla Giagnoni, attrice e autrice dal lunghissimo curriculum, che ha cominciato giovanissima come allieva, a Firenze, di due leggende come Vittorio Gassman Jeanne Moreu, per lavorare poi con i più grandi registi italiani, ricevendo premi nazionali e internazionali. 

Giagnoni sarà in scena alle 21 con “Magnificat”: un viaggio avvincente attraverso la storia e gli archetipi del pensiero umano, dalla Bibbia a San Francesco, dai miti classici a Dante, alla riscoperta del principio femminile come armonia e forza rigeneratrice del mondo.

Un ragionamento che parte da un’antica preghiera, il Magnificat, appunto: «Solo se dalla Terra riemergerà il “Femminile”, – spiega Lucilla Giagnoni – ci sarà una possibilità per tutti di futura convivenza, non solo nella sopravvivenza, ma nella beatitudine, cioè nella felicità».  

Gianni Dettori. Foto Giovanni Cocco

Alle 22:30 la serata continua con il talento tutto sardo di Gianni Dettori e il suo Cabaret, un recital ironico e autoironico, uno spettacolo di trasformismo delicato, irriverente ma sempre poetico.