Si è conclusa con grande successo la 3ª edizione del Filming Italy Sardegna Festival diretto da Tiziana Rocca, che si è tenuto dal 22 al 26 luglio a Forte Village, grazie al sostegno della Regione Sardegna e dell’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Forte Village Lorenzo Giannuzzi. 28 titoli presentati tra film, anteprime, serie TV, documentari, docu-film e cortometraggi, a cui hanno potuto assistere fisicamente tutti gli ospiti presenti al festival e in streaming gli oltre 600 studenti dell’Academy Cinema che quest’anno non hanno potuto presenziare a causa delle norme vigenti anti-Covid, nonostante l’attuazione di un protocollo che ha visto tutti, star e giornalisti, sottoporsi a test sierologici e, dove necessario, anche a tamponi per assicurare un Festival sicuro e sereno.

“È stata un’edizione particolare, davvero difficile da realizzare, non mi stanco di ripeterlo. Nonostante sorgessero problemi e impedimenti da ogni dove, ci ho voluto credere fino alla fine e ci siamo riusciti. Vorrei rivolgere un sentito ringraziamento al Governatore della Regione Autonoma della Sardegna Christian Solinas e all’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Forte Village Lorenzo Giannuzzi per l’ospitalità in questa splendida regione. Sono stata felicissima di avere qui con noi attrici e attori dalla fama unica ed eccezionale come Matt Dillon, Isabelle Huppert, Carol Alt, averli qui dagli Stati Uniti non è stato semplice. Ma un grazie anche a tutti gli artisti italiani che hanno deciso di crederci insieme a me, mostrando una spinta alla necessità di ripartenza e alla volontà di non fermarsi. È un onore poter affermare che il Filming Italy Sardegna Festival è stata la prima manifestazione cinematografica al mondo post Covid-19. Una terza edizione che si è dovuta adeguare al delicato periodo storico che stiamo vivendo: abbiamo mantenuto se non incrementato la ricchezza delle proiezioni, degli incontri e delle presentazioni di film e serie televisive, continuando a coinvolgere le più importanti distribuzioni e produzioni del piccolo e grande schermo insieme ai colossi dell’entertainment VOD e televisivo; ma ci siamo rivolti anche al web, trasformandolo in un Festival interattivo e multimediale, per permettere a tutti di poter vivere le nostre stesse emozioni, come se fossero qui presenti. Abbiamo dato spazio al cinema, alla televisione, alla musica e all’intero mondo dell’intrattenimento ma abbiamo affrontato anche la situazione cinematografica attuale post lockdown con i problemi legati al Covid con diversi produttori e broadcaster internazionali e italiani. Ancora una volta abbiamo creato un momento di connessione tra il mondo dell’intrattenimento del nostro paese e quello estero, promuovendo l’internazionalizzazione del prodotto culturale ma anche dei nostri territori”, ha dichiarato Tiziana Rocca.

Arisa

Due i film Disney per celebrare il lancio italiano di Disney+: il live action Lilli e il Vagabondo, anticipato da un’esibizione dal vivo della cantante Arisa, e il lungometraggio Disney e Pixar Onward – Oltre la Magia. Molte le proiezioni speciali: Tornare a vincere (titolo originale The Way Back), il nuovo film di Gavin O’Connor con Ben Affleck; Primal di Nick Powell con Nicholas Cage; Synchronic di Justin Benson e Aaron Scott Moorhead; Gli anni più belli presentato al pubblico dal regista Gabriele Muccino, a cui è stato consegnato il Filming Italy Award; Un Figlio di Nome Erasmus diretto da Alberto Ferrari, con Luca e Paolo, Daniele Liotti e Ricky Memphis presentato da Carol Alt; Magari di Ginevra Elkann; D.N.A. – Decisamente Non Adatti diretto da Lillo & Greg; Abbi fede diretto da Giorgio Pasotti; 7 ore per farti innamorare diretto da Giampaolo Morelli, una commedia romantica interpretata dallo stesso Morelli con Serena Rossi; A Tor Bella Monaca non piove mai per la regia di Marco Bocci; Cambio tutto! diretto da Guido Chiesa con Valentina Lodovini; Calibro 9, il nuovo film di Toni D’Angelo con Marco Bocci, prodotto da Gianluca Curti per Minerva Pictures e, sempre di Minerva, Bastardi a mano armata di Gabriele Albanesi con Marco Bocci e Fortunato Cerlino. E il film di chiusura Blackbird, diretto da Roger Michell che vede protagoniste Susan Sarandon e Kate Winslet.

Toby Jones, Tiziana Rocca e Matt Dillon

Tra le serie TV presentate: The Plot Against America, serie HBO adattamento di un libro di Philip Roth; Yellowstone e Le Bureau – Sotto copertura. Nella sezione dedicata ai docu-film: Life as a B-Movie: Piero Vivarelli di Nick Vivarelli, a cui è stato consegnato il Filming Italy Best Documentary Award per questo documentario; In her shoes di Maria Iovine; Fucilateli – Commissione d’inchiesta su Caporetto 1918 di Giorgia Lorenzato e Manuel Zarpellon; Una primavera di Valentina Primavera; e il documentario La confessione, opera prima da regista di Benedicta Boccoli, che lo ha presentato in anteprima assoluta al Filming Italy Sardegna Festival.

Tre i film della sezione Variety Choise: Collective di Alexander Nanau; Better Days diretto da Derek Tsang; e il film indiano Jallikattu diretto da Lijo Jose Pellissery. Due invece sono stati i documentari presentati in collaborazione con National Geographic: Gli eroi del Mediterraneo e Sea of shadows: trafficanti di mare, prodotto dal premio Oscar Leonardo Di Caprio e diretto da Richard Ladkani.

Tanti i premi consegnati durante questa edizione: il Filming Italy Woman Power Award è stato consegnato ad Isabelle Huppert, mentre il Filming Italy Award è stato assegnato a Matt Dillon, che quest’anno è stato il presidente onorario del festival. A Riccardo Milani è stato consegnato il Premio Women in Film – Filming Italy Award come ringraziamento per la sua sensibilità nei confronti delle donne, così che possa continuare a scrivere nuovi soggetti e sceneggiature con protagoniste femminili. A Carol Alt il premio Fiming Italy Actress Award per il suo ruolo nel film Un figlio di nome Erasmus; ad Arisa il Filming Italy Music Award; Il Premio in onore di Pietro Coccia, realizzato per l’occasione da Crystal Couture Milano, è stato consegnato a Paola Cortellesi.

Paola Cortellesi e Riccardo Milani

In collaborazione con APA – Associazione Produttori Audiovisivi, sono stati presentati due panel alla presenza di diversi produttori e broadcaster internazionali e italiani: “La distribuzione del film cinematografico tra TV e sala. Cosa è cambiato dopo il lockdown” e “La ripartenza delle serie TV dopo il lockdown”.

L’Italy Sardegna Festival in Corto (II edizione), il premio dedicato ai corti cinematografici in collaborazione con l’Università degli Studi di Cagliari, è stato vinto da Straniere Cose di Andrea Petrillo, attore e film-maker cagliaritano premiato dalla presidentessa di giuria Claudia Gerini. Il suo lavoro sarà trasmesso su Rai Cinema Channel e sulla piattaforma MyMovies, un progetto che si lega all’Academy Cinema ideata dal Professore Ordinario di Linguistica Italiana presso l’Università degli Studi di Cagliari Massimo Arcangeli.