Prende il via domani, giovedì 27 agosto, a Baradili, la venticinquesima edizione del Festival Cantiere. Quattro giorni di grande teatro e grande musica nel paese più piccolo della Sardegna. La storica rassegna, organizzata come sempre da Progetti Carpe Diem per la direzione artistica e organizzativa di Aurora Aru e Franco Marzocchi, animerà il cuore della Marmilla sino a domenica 30 agosto. Grande attesa poi, sabato 29, per l’unica tappa sarda del tour di Bobo Rondelli.

Ma il festival parte forte già dalla prima giornata, grazie a uno dei più importanti testimoni del teatro di narrazione italiano, Giuseppe Semeraro, che lo scorso luglio ha ricevuto il Premio Museo Cervi-Teatro per la Memoria: il massimo riconoscimento per le opere di teatro civile conseguito grazie allo spettacolo “Digiunando davanti al Mare”. La pièce, per la prima volta rappresentata in Sardegna, sarà in scena giovedì 27 agosto alle 21:15 a Casa Usai, una delle splendide case a corte nel borgo medioevale di Baradili. Al centro della ricerca di Semeraro c’è la figura di Danilo Dolci: poeta, intellettuale e pedagogo che ha speso la vita a schierarsi dalla parte degli ultimi. Il suo attivismo, nella Sicilia degli anni ’50, gli è valso due candidature al premio Nobel per la pace.

«Quello che più mi interessa in questa figura – spiega Semeraro – sono le sue qualità umane, il suo grande potere comunicativo e soprattutto la fiducia che sapeva spargere attorno a sé. Danilo Dolci voleva, con i disoccupati Siciliani, ricordare all’Italia intera che per la Costituzione Italiana il lavoro è un diritto ma anche un dovere se questo lavoro ha un’utilità pubblica. Dalle vicende umane di questo gigante dimenticato abbiamo creato un pezzo teatrale che tenta non solo di raccontarne i momenti più importanti ma di evocarli con il corpo nudo del teatro». 

Ma il Cantiere di Carpe Diem si apre alle 19, a Casa Zedda, con il viaggio in musica di Francesco Morittu, che in Giogu de Contus trasporta il pubblico in un concerto solista di musiche per chitarra classica e chitarra sardo-campidanese.  

Completano il cartellone della prima giornata le marionette di Agostino Cacciabue e Rita Xaxa. Alle 20, a Casa della Vite, appuntamento con “Appesi a un filo”, un mosaico composto da momenti di vita del marionettista che si intrecciano con le storie delle sue figure. Le marionette di Cacciabue ballano, soffrono, sperano, ridono, con lo stesso spirito che muove gli esseri umani. Anche per loro, per i pupazzi che calcano il palcoscenico, il destino è sempre appeso a un filo. Lo spettacolo è stato presentato nei principali festival internazionali in Italia e in tournée all’estero: in Senegal, Pakistan, India, Ucraina, Messico, Colombia, Singapore, Svizzera, Slovenia, Francia e Spagna.