Numerose ricerche a livello mondiale dicono che ogni anno circa 8-15 milioni di tonnellate di plastica finiscono in mare. Un problema enorme che, a causa delle microplastiche che entrano nella catena alimentare, ha ripercussioni negative anche sulla salute dell’uomo. Parte anche da questa preoccupazione l’attività dell’amministrazione comunale di Stintino che, da dicembre scorso, ha avviato la campagna contro l’inquinamento da plastica. Venerdì 24 maggio, quasi a ricordare l’appuntamento con #FridayForFuture, il Comune ribadirà questo impegno in occasione del convegno “Inquinamento da plastica: l’importanza di combatterlo e le strategie per farlo“, in programma al Museo della tonnara a partire dalle ore 16.

L’obiettivo della campagna portata avanti dal Comune, in adesione al progetto del ministero dell’Ambiente, #Iosonoambiente e #PlasticFree, è coinvolgere i cittadini, i turisti e le aziende del territorio per informare quali siano i danni provocati dall’inquinamento da plastica e condividere alcune strategie per limitarne l’uso e aumentarne il riciclo.

Le prime iniziative adottate dall’amministrazione guidata da Antonio Diana, la giornata di educazione ambientale con le scuole a dicembre scorso e la pulizia delle spiagge ad aprile, hanno colpito nel segno con un’alta adesione da parte della popolazione.

Il convegno di venerdì, allora, avrà come tema portante l’inquinamento da plastica e tra i suoi obiettivi principali quello di contribuire significativamente a ridurre l’utilizzo di plastica usa e getta. La giornata coinvolgerà il Parco nazionale dell’Asinara – Area marina protetta, il Consorzio nazionale Polieco, diverse associazioni ambientaliste, le scuole, l’Università, il Dumas con la docente Donatella Carboni che coordinerà i lavori, e altre istituzioni.

Al convegno sono stati invitati anche l’assessore regionale per la difesa dell’Ambiente Gianni Lampis e l’onorevole Paola Deiana.

Due le sessioni previste che consentiranno di far conoscere le iniziative dell’Area marina protetta dell’isola dell’Asinara, di mettere in evidenza gli effetti della plastica negli habitat marini quindi capire come contrastare il fenomeno delle plastiche in mare, l’attività di prevenzione, il riuso e il riciclo.

Saranno poi illustrati il progetto Marine Strategy, l’esperienza delle scuole di Stintino con il progetto sulla plastica e il consumo responsabile e il ruolo del no-profit.