Nonostante le difficoltà, le limitazioni, le paure, la Poesia non si ferma.
Accade sempre, in ogni periodo critico per l’umanità.
Ciò che alla fine resiste davvero è sempre la Poesia.

Questo è in sostanza lo spirito che ha sempre contraddistinto le attività del PoP l’associazione che da 14 anni organizza il più importante festival poetico internazionale della Sardegna. 6 giorni, 7 comuni, decine di artisti nazionali, regionali e internazionali saranno ospiti di questa speciale edizione.

Si inizia il 15 ottobre a Tissi e si concluderà il 20 ottobre a Sestu. Da nord a sud con un tema particolarmente coraggioso: Memoria&Abbraccio, ossia radici e passione. Senza la consapevolezza di ciò che siamo, del mondo a cui apparteniamo, non potremo davvero abbracciare con fiducia il futuro. Per creare e condividere servono infatti memoria e amore.

Il festival avrà come sempre la Poesia come regina delle arti, come elemento centrale che però dialoga con tutte le altre espressioni artistiche e forme d’arte: dalla pittura alla musica, dal teatro alla fotografia, dal cinema al turismo esperienziale.

Ci saranno poeti sardi che incontrano poeti del resto d’Italia, uno dei massimi pianisti jazz in circolazione, le tappe poetiche nel centro storico di Tempio, mostre di quadri, le presentazioni del libro record di vendite, le escursioni sul Limbara, gli incontri con gli studenti, le installazioni poetiche per le vie di molti paesi, il convivio poetico universale.

Claudio Cojaniz, Antonella Iaschi, Daniela Raimondi, Sandro Fresi, Giuseppe Cristaldi, Rebecca Ginatempo, Sinuaria Poetarum, Mamadou Mbengue, il collettivo di pittura Artisti nei Versi, il Coro Gabriel e tantissimi altri saranno i protagonisti. Tempio, Tissi, Villacidro, Bosa, Sassari, Sestu, Torralba i comuni coinvolti. É possibile trovare il programma completo sulla pagina facebook di Pop.

Tutti gli eventi all’aperto e al chiuso rispetteranno ogni norma dei protocolli anti-covid. Sul posto saranno presenti operatori sanitari e addetti ai controlli.