Babbo Natale quest’anno avrà anche il volto di Kelvin. Sarà un ragazzo nigeriano di 23 anni, arrivato a Porto Torres alcuni mesi fa, il protagonista del progetto del Gruppo Umana Solidarietà, associazione che cura i servizi Sprar mirati all’integrazione dei rifugiati e richiedenti asilo.

Dal 20 al 24 dicembre sarà facile incontrare Kelvin nel Corso Vittorio Emanuele. Indosserà i panni del babbo più famoso del mondo, distribuirà dolci e caramelle e intratterrà i più piccoli grazie alle capacità che ha potuto sviluppare frequentando un corso di animatore.

L’iniziativa è sostenuta dalle attività commerciali Fraghì Sport, Koinè e bar Da Marco. «Il Babbo Natale promosso dallo Sprar del Gus rappresenta lo spirito di festività e l’amore – sottolineano i rappresentanti dell’associazione – e sfata l’iconografia classica che raffigura Santa Claus come un vecchio bianco e barbuto». L’appuntamento con la prima “apparizione” di Kelvin sarà venerdì mattina nel centro cittadino.