“Sport e inclusione. Lo sport che valorizza la diversità” è il primo dei tre nuovi appuntamenti programmati dall’Assessorato comunale alle Politiche sociali per il Progetto Comunità educante che dal suo avvio, poco più di un anno fa, ha coinvolto decine di famiglie, numerosi docenti e forze dell’ordine. Il filo conduttore del progetto è l’attenzione ai minori nei diversi ambiti in cui si sviluppa la loro formazione e crescita.

Il nuovo ciclo di incontri, che prenderà il via giovedì 5 marzo, dalle ore 15 alle ore 17, nella sala del Museo del Porto, sarà rivolto a operatori dello sport (dirigenti e staff tecnico) e a coloro che operano nel settore artistico e culturale.

Interverranno l’assessora alle Politiche sociali, Rosella Nuvoli, lo Psicoterapeuta e Psicologo dello Sport, Manolo Cattari, e il responsabile della gestione del servizio di assistenza scolastica specialistica del Plus di Sassari, Giulio Maciocco.

L’obiettivo dell’incontro è aprire un confronto sui benefici che derivano per il disabile, per la sua famiglia e per l’associazione, ma anche riflettere sui limiti e sulle paure che il percorso di inclusione può generare.