Dal 16 al 18 Ottobre si terrà, presso il Museo Archeologico, Maker Island – L’isola dei makers. L’evento, patrocinato dal Comune di Olbia, è ideato, progettato e sviluppato dal Fab Lab Olbia, realtà attiva da anni sul territorio cittadino nella divulgazione di nuove tecnologie digitali.

Il Museo Archeologico è la location ideale per questo evento: posizionato su un’isola nell’isola, è rappresentativo dell’evoluzione millenaria della manualità umana, dalla pietra alla digital fabrication.

«Maker Island è il primo evento in Sardegna che celebra la cultura dei makers: gli artigiani digitali del XXI secolo. – afferma l’assessore alla cultura Sabrina Serra – Protagonista assoluto il tema dell’innovazione “dal basso”, con un approccio attento al continuo dialogo con imprese e istituzioni. Un luogo dove professionisti del settore, appassionati di ogni età e background si incontreranno per presentare i propri progetti, condividere le proprie conoscenze e scoperte, creare nuove connessioni».

L’evento è gratuito, e la partecipazione è aperta a tutti, incluse le scuole e le realtà istituzionali che vogliono presentare i propri progetti ed entrare in contatto con un pubblico interessato e di settore. Per inviare la candidatura è sufficiente compilare il modulo sul sito web dell’evento.

Obiettivo di Maker Island è far coesistere l’ambito digitale e quello manuale, la cultura e la tecnologia, l’artigianato e l’industria, in un contesto “friendly”, informale e stimolante. Una fiera interdisciplinare dove la tecnologia incontra il mondo del design, della moda, dell’arte, e dell’impresa, dando vita ad interessanti commistioni e attivando innovazioni culturali presso un pubblico ampio ed eterogeneo.

L’ispirazione per questo evento è nata da Maker Faire, progetto di origine californiana divenuto in pochi anni un network internazionale di eventi, nata nel 2006 con l’intento di dare un luogo alla sempre più numerosa e partecipativa community dei makers. Il movimento è approdato in Italia nel 2013 con il Rome Maker Faire European Edition, ad oggi l’evento di settore più importante di tutto il continente europeo. Negli anni successivi si sono aggiunti due ulteriori manifestazioni a Torino e a Trieste. Maker Island – L’isola dei makers è quindi la terza fiera in Italia e la prima sul territorio sardo.

Per questa prima edizione, hanno già aderito diverse realtà: il Fab Lab Torino, il Fab Lab Palermo, il Fab Lab Roma, l’Accademia delle Belle Arti di Sassari, la Fondazione Mondo Digitale, il Fab Lab Sardegna Ricerche, il CRS4 (Center for Advanced Studies, Research and Development in Sardinia), Mak-ER la rete dei Fab Lab dell’Emilia Romagna, Make in Nuoro e tanti altri.

Saranno presenti di caratura internazionale come l’ing. Cristian Fracassi, CEO di Isinnova, senza dubbio il maker italiano più famoso al mondo, e Dinara Kasko, architetto e star della cucina digitale.

«Il 20 Ottobre parteciperò alla Maker Faire Torino per presentare a livello internazionale Maker Island – L’isola dei makers – anticipa l’Ing. Antonio Burrai, curatore dell’evento e project manager del Fab Lab Olbia. – Durante questo incontro avrò modo di porre le basi per una rete con le altre Maker Faire italiane: Roma, Torino e Trieste. Un’occasione unica per creare una partnership nazionale».