La Rassegna Letteraria Sul Filo del Discorso riprenderà i suoi appuntamenti domani, venerdì 6 settembre, alle ore 21:00 in piazzetta Dionigi Panedda con la presentazione del libro di Flavio Soriga “Nelle mie vene”. Dialogherà con l’autore il giornalista Giovanni Dessole. La serata è organizzata in collaborazione con il Festiva Sulla Terra Leggeri.

A seguire, domenica 8 settembre sempre con inizio alle ore 21:00 in via Dante la rassegna propone il recital dal titolo “Le Parole note” con Giancarlo Giannini ed il Marco Zurzolo Quartet, per la regia di Susy Mennella.

Nelle mie vene. Questo libro racconta dell’essere figlio e dell’essere padre, del sangue che si dona e di quello che si riceve. Racconta della Sardegna d’inverno, dei paesi contadini e della sua più grande città di mare, del bisogno di scappare e della poesia dell’arrangiarsi, di giovani vite al confine tra il crimine e la noia, di romanzi mai scritti, della televisione italiana, di bambine da crescere, donne da amare, di caffè-libreria, stazioni e aeroporti. Il protagonista di questa storia è Aurelio Cossu, nato e cresciuto in un paesino vicino a Cagliari, un uomo che ha una compagna, una figlia, un lavoro in tivù. Aurelio, la cui vita dipende dalla generosità altrui, dalle donazioni di sangue di perfetti sconosciuti, è un uomo che non si ferma un istante, guidato da un sentimento di mai completa appartenenza, dal bisogno di trovare un senso ai molti destini che scorrono nelle sue vene. Intellettuale sui generis, lavoratore precario e scettico nel competitivo mondo della televisione, assume la grandezza di un antieroe mite e tenace per il modo in cui sa abbandonarsi pienamente ai momenti più improbabili dell’esistenza – come quando si trova alle prese con un misterioso latitante còrso, ai confini della legalità. Con voce avvolgente, che sembra seguire il rollio dei pensieri tra l’isola e la terraferma, Soriga dà vita a un racconto che è un sorprendente noir isolano, un reportage coraggioso sulla Sardegna più lontana dall’immaginario comune e un sorridente bilancio sul ruolo degli intellettuali nel nostro mondo distratto.

Il recital Le Parole Note di Giancarlo Giannini è un singolare incontro di letteratura e musica. Il contrastato caleidoscopio dei sentimenti è il filo conduttore dello spettacolo.

Un viaggio nell’universo femminile che rompe i confini geografici e temporali. E così, dal ‘200 di Cecco Angiolieri, irriverente cantore della lirica “S’i fossi foco”, lo spettatore viaggerà fino ad arrivare alla piena sensualità sudamericana di Neruda, passando per il linguaggio amoroso di Salinas e i battiti del cuore di Leopardi che decanta la sua Silvia. Grande pathos per l’elogio funebre di Marco Antonio tratto dal Giulio Cesare di Shakespeare e il dubbio esistenziale esposto per l’Amleto. L’interpretazione appassionata e vibrante di Giannini s’intreccia con l’esecuzione dei brani in chiave jazz della tradizione napoletana proposti dal Marco Zurzolo Quartet, in perfetto equilibrio tra musica e parole.

La Rassegna si concluderà martedì 17 settembre con lo spettacolo musicale “Odissea un Canto Mediterraneo”, prodotto dal Teatro Pubblico Ligure, con Peppe Servillo, Mario Incudine, Antonio Vasta, Anita Vitale, Giorgio Rizzo, Antonio Putzu, Faisal Taher e l’Orchestra Popolare Siciliana.