“Un distillato di passione, tecnica, eleganza, bellezza e vita vissuta”. In due parole auto storiche. Sono loro che per 2 giorni consecutivi avranno la meglio sulla schizofrenia del traffico e sui problemi di parcheggio, sull’ossessione dei costi di bollo e assicurazione. Nate mezzo secolo prima della fantascienza di Isaac Asimov e di Colussus, il primo computer inventato dagli inglesi durante la Seconda guerra Mondiale per decifrare i messaggi segreti dei nemici tedeschi, da sabato 12 a domenica 13 maggio in tanti si daranno battaglia per la 12esima Coppa Gentlemen Sardi.

La definizione è di Yuri Marcialis che ieri mattina ha ospitato nella sede dell’Assessorato allo Sport di viale San Vincenzo, gli organizzatori dell’Associazione Automoto d’Epoca – Sardegna per la presentazione della manifestazione “Sin dal suo esordio nel 2007 – ha aggiunto tra l’altro il rappresentante della Giunta Zedda – ogni anno che passa riscontra maggiore successo”.

“Si tratta di una gara di regolarità a cui si sono iscritti oltre settanta equipaggi per altrettante attempate quattro ruote”, ha annunciato ha annunciato Angelo Melis, presidente dell’Associazione. Tra queste una degli ultimi 10 esemplari rimasti al mondo dell’Ansaldo 4F del 1927, una Jaguar SS100 del 1937, una Lancia Augusta del 1935, una MG YA del 1950 e una Fiat Topolino del 1952, che potranno essere ammirate da chiunque già venerdì (11 maggio) dalle 16 alle 19 al Porto di Cagliari, in prossimità dell’ex Stazione Marittima, quando i commissari di gara le sottoporranno alle verifiche sportive.

Si partirà però il giorno dopo (sabato 12 maggio) alle 8,30 da Monte Urpinu, per la precisione dal viale Europa, “chiunque potrà assistere”, ha precisato Melis. L’itinerario avrà una lunghezza di 325 chilometri e porterà la carovana ad Arbatax, passando per Sant’Andrea Frius, San Nicolò Gerrei, Ballao, Escalaplano, Perdasdefogu, Jerzu, Cardedu, Barisardo e Tortolì. E “domenica 13 maggio, nel pomeriggio si farà ritorno nel Capoluogo, per tagliare il traguardo al Porto”, attraverso Tertenia e Muravera. Insomma un’edizione quella di quest’anno che ben “miscela itinerari turistico-culturali, con un po’ di cronometro per i più sportivi ed enogastronomia, che richiama gusti e tradizioni della Sardegna”, hanno infine sottolineato il presidente Melis e il tesoriere dell’Associazione Alessandro Casciu.

Lanciata anche la 1ª edizione del Concorso fotografico “Scatti a Scoppio – Grandangoli sulla tua passione per i rombi d’epoca”. Per partecipare basterà inviare tramite email a concorso.fotografico@aaesardegna.org tre fotografie di tutto quello che si muove con motore a scoppio. Per farlo c’è tempo dal 24 maggio sino al prossimo 8 di luglio.

Per maggiori informazioni e programma dettagliato potete consultare questo link