L’emergenza Coronavirus ha stravolto il nostro modo di vivere. I cittadini, chi più e chi meno, stanno facendo il possibile affinché la tragedia che ci ha colpiti all’inizio di questo 2020 non si ripeta. La pandemia ha causato una serie di problemi al nostro sistema sanitario, ma non solo. Anche la nostra economia è stata compromessa nei mesi della chiusura totale e diverse persone si ritrovano ora in condizioni precarie a causa della perdita o della diminuzione del lavoro. Per aiutare famiglie e individui in difficoltà sono state avviate nella nostra isola diverse attività solidali. Oggi vogliamo parlarvi di Sa Spesa Sospesa, del Mutuo Soccorso Casteddu e de Lo Zaino Sospeso, iniziative nate nel cagliaritano, ma che si sono poi estese anche in altri comuni della Sardegna, come Tortolì, Carloforte e Villacidro.                 

Il loro motto? Uniti si vince! E quale migliore slogan in un momento così delicato della nostra storia? Sa Spesa Sospesa nasce durante il lockdown, dall’iniziativa di singoli, nella provincia di Cagliari. Si tratta di una rete di negozi che permette di acquistare dei prodotti e di lasciarli “in sospeso”, per essere ritirati da persone in difficoltà. È un’attività che si autogestisce: chiunque entri nei negozi che hanno aderito a “Sa Spesa” può lasciare qualcosa “in sospeso” e qualunque persona ne abbia bisogno può fare richiesta di ritiro. Sin da subito l’iniziativa è stata accolta con molto entusiasmo, sia dai comuni cittadini che dai negozianti, ristoranti, pizzerie, alimentari e negozi di abbigliamento. Nell’elenco, oltre a svariati punti vendita di Cagliari, Quartu, Quartucciu, Selargius e Monserrato, sono presenti anche negozi di altre province sarde (in particolare Nuoro e Sud Sardegna).

Con la fase 2, sempre nel territorio di Cagliari, nasce il Mutuo Soccorso Casteddu, quasi un centinaio di persone che si riuniscono in un sistema di mutuo soccorso. Sa Spesa Sospesa e il Mutuo Soccorso iniziano a collaborare e insieme lanciano la Scuola Popolare, delle lezioni per piccoli gruppi, totalmente gratuite, per studenti in difficoltà. Lo Zaino Sospeso, invece, prende vita da due ragazze che contattano il Mutuo Soccorso e Sa Spesa Sospesa per promuovere l’iniziativa: chiunque può donare zaini o cartoleria che vengono poi distribuiti tramite il Mutuo Soccorso agli studenti che ne hanno bisogno e che ora hanno appena ripreso le lezioni nella scuola vera e propria. Per ora, in tantissimi hanno donato zaini, quaderni, matite, penne e colori o semplicemente una somma di denaro per acquistare il necessario. Le iniziative sono ancora aperte. Invitiamo chi volesse dare il suo contributo a visitare le pagine Facebook di Sa Spesa Sospesa e del Mutuo Soccorso Casteddu.