Sempre più spesso si sente parlare di “terzo genere” e di “fluidità di genere“, ma cosa significa davvero avere una identità che va oltre le definizioni di “maschio” e “femmina”?

Come vive chi si definisce una persona non binaria?

Cosa rivendica e perché le sue lotte dovrebbero interessare il mondo Lgbti e femminista?

Queste e molte altre domande troveranno risposta venerdì 29 giugno a partire dalle 18.30 nella sede della Associazione Arc onlus, in via Falzarego 35, nel corso di un dibattito tra l’attivista trans non binario Ethan Bonali e le attiviste dell’assemblea femminista Non Una di Meno Cagliari.

L’evento è stato organizzato da Non Una di meno Cagliari, che ha accettato l’invito di Arc in occasione della Queeresima 2018, quest’anno dedicata al tema della visibilità.

Le identità di genere non binarie fanno ancora fatica ad essere visibili e riconosciute, per questo l’assemblea ha deciso di affrontare il tema coinvolgendo un attivista che si riconosce in questa soggettività, con l’obiettivo di aprire nuovi spunti di riflessione e intessere nuovi dialoghi.