Ha puntato sull’acqua e non poteva essere altrimenti, il Comune di Cagliari nel lanciare la sua sfida all’appuntamento con Climathon, iniziativa mondiale sui cambiamenti climatici promossa da Climate-KIC, il più grande partenariato pubblico-privato, a livello europeo, che si occupa di innovazione per contrastare i cambiamenti climatici.

E il capoluogo sardo, in collaborazione con l’Assessorato regionale della Difesa dell’Ambiente, ha voluto confrontarsi con la questione legata alle acque, puntando a ricercare nuove soluzioni che possano essere utili a tutta la collettività internazionale.

Con questi propositi, andrà in scena venerdì 27 ottobre l’appuntamento cagliaritano di Climathon, maratona di ventiquattro ore, che si svolgerà in contemporanea in duecentoquaranta città del mondo, diciotto delle quali in Italia. Per la Sardegna sono state individuate dalla Regione Cagliari e Sassari che cercheranno di portare il loro contributo in termini di idee e innovazione.

I dettagli della manifestazione e le iniziative della giornata, che avrà un’appendice anche sabato 28, sono stati illustrati questa mattina in conferenza stampa dall’Assessore alla Pianificazione Strategica, Francesca Ghirra che ha incontrato i cronisti accompagnata dall’Assessore regionale della Difesa dell’Ambiente, Donatella Spano.

“E’ una sfida per noi” ha esordito l’Assessore Ghirra che ha voluto illustrare il programma stilato per la giornata del 28. “Sarà una maratona sul cambiamento climatico che prevede il coinvolgimento di cittadini, studenti e studiosi, imprese per la promozione di idee che saranno poi studiate dall’Amministrazione. La giornata si articolerà con un Convegno in programma la mattina di venerdì e con una serie di tavoli tematici che si esprimeranno su cinque punti”.

Le tematiche affrontate saranno riconducibili a cinque maxi temi: Acqua bene comune: come utilizzarla correttamente; Mitigazione del rischio idrogeologico e permeabilità dei suoli; Tutela e valorizzazione delle zone umide nel rispetto della biodiversità e per la promozione per scopi turistici e produttivi; il fenomeno dell’erosione costiera; verde funzionale e naturalizzazione dell’ambiente urbano.

Chi fosse interessato a partecipare alla sfida, potrà iscriversi compilando il modulo alla pagina: https://id.climate-kic.org/register il gruppo che si aggiudicherà il primo posto con l’idea più innovativa, verrà invitato a partecipare all’evento dedicato al Climathon in programma il 9 novembre a Rimini presso Ecomondo.

“Speriamo che da questa maratona possano emergere delle idee innovative” ha concluso Francesca Ghirra.

Tra le attività collaterali, sono particolarmente interessanti non solo gli appuntamenti di venerdì 27 al Teatro Massimo, che coinvolgeranno grandi e soprattutto bambini, ma anche quelle in programma il giorno successivo. Sabato 28, infatti, l’Ente Parco Molentargius Saline propone una passeggiata ecologica a partire dalle 9,30 (per prenotazioni: 070/659740 – salegambiente@tiscali.it), mentre il FAI organizzerà, nella Saline Conti Vecchi, delle visite guidate che inizieranno alle 10 per concludersi intorno alle 18 (per prenotazioni: 070/247032 – faisaline@fondoambiente.it).

Alla conferenza, oltre agli assessori Ghirra e Spano, hanno partecipato Alessandro Vincis della Municipalità di Pirri, Luca Sanna, in rappresentanza della rete delle professioni tecniche e degli ordini professionali e Sandro De Muro dell’Università di Cagliari.

 

Climathon Cagliari programma